Recensione: LG V10

LG V10 è un esercizio di stile da parte di LG per mostrare al pubblico le sue doti in ambito costruttivo. Tuttavia non riprende quanto di buono fatto con il G4 in molti ambiti.

LG V10
LG V10

Confezione:

LG inserisce il classico contenuto standard: telefono, caricatore da parete, cavo micro-USB e le nuove cuffie in-ear Qaud Beat 3. Permettetemi di fare un piccolo excursus su questi auricolari; sono di buona qualità e sicuramente superiori ai più generici forniti all’interno delle varie confezioni, tuttavia non mi sono sembrati eccezionali come invece molti li hanno definiti.

Design e dimensione:

Parlando di dimensioni, lo smartphone si presenta con 159,6 x 79,3 x 8,6 mm e 192 grammi di peso e va a confermarein pieno la sua appartenenza alla categoria dei phablet.
Da maneggiare con una mano è molto difficile, tuttavia ho notato che, a differenza del G4, i bordi sono leggermente stondati ed in metalli rendendo così lo smartphone più facile da impugnare.
Passando alla costruzione invece, LG ha fatto un notevole passo in avanti realizzando un prodotto con una scocca totalmente in metallo rendendo lo smartphone solido, robusto ed in grado di fornire un’ottima sensazione tra le mani.
Una particolare critica la muovo però verso il design. Per quanto possa piacere, trovo lo smartphone decisamente anonimo.La cover posteriore, nel modello italiano, sembra letteralmente un pneumatico e, come tale, fornisce un grip esagerato che sicuramente non ci farà caderelo smartphone dalle mani, ma allo stesso tempo risulta quasi un pugno in un occhio per la vista. Ovviamente il mio è un giudizio soggettivo.

Hardware:

Partiamo la disamina software con l’analisi del second display da 2.1 pollici con risoluzione 160 x 1040 pixel che caratterizza e distingue il dispositivo? Serve, è comodo, è utile? Oltre al fattore estetico (si nota lo stacco e non risukta gradevolissimo da vedere), lo ho trovato un elemento non essenziale e non di vitale importanza.
Oltre questo vi sono una serie di implementazioni software che permettono di creare delle scorciatoie per alcune applicazioni. Ho provato a non usare lo smartwatch e sostituirlo con questa soluzione ma non l’ho trovata fondamentale ed essenziale. Parlando dell’altro grande display, da 5,7 pollici di tipo IPS LCD con un risoluzione QuadHD. Sulla definizione non si discute, il display si fa notare in questo, ma sembra di essere tornati indietro al G3 a livello qualitativo. I colori sembrano un po’ troppo smorti e oltre questo la luminosità è molto molto poco luminoso.
Spostandosi al comparto prestazionale, non mi ero lamentato del G4 e non posso farlo nemmeno con questo LG V10. Lo SnapDragon 808 ed i 4GB di RAM (con l’Adreno 418) permettono allo smartphone di essere sempre prestante in ogni singola operazione e non ha mai mostrato impuntamenti o rallentamenti da questo punto di vista. Lo spazio interno è da 32/64GB più l’espansione della microSD che l’azienda ha preferito mantenere anche su questo modello.
Completano poi la componentistica il WiFi nella versione AC, con una ricezione nella media, il Bluetooth 4.1 APTX NFC, IRDA ed il sensore per le impronte digitali nel retro. Mi soffermo un secondo su quest’ultimo elemento: non è comodissimo e funziona 1/6 delle volte. Purtroppo pensavo fosse implementato meglio, invece posto nel retro dello smartphone (e viste anche le dimensioni) non è il massimo della comodità. La posizione è quasi innaturale secondo me ed oltre questo il dito va posizionato in maniera perfetta, altrimenti vi darà un errore.
Ultimo appunto sulla ricezione: un passo indietro rispetto al G4. Non siamo ai livelli di LG G3, ma siamo molto lontani dal modello precedentemente citato. Il segnale è abbastanza ballerino ed oltre questo è molto pigro nei vari cambi di segnale 2G/3G/4G.

Software:

LG non ha fatto dei progressi dal G4 ed anzi questo V10 da noi provato è ancora fermo alla versione V10a nonostante sia in arrivo Android Marshmallow 6.0.
Il second display è ben implementato: si può inserire un testo personale, le applicazioni recenti a collegamenti rapidi. Per il resto niente di realmente innovativo e qualcosa in più si poteva indubbiamente fare secondo me. Una lancia a favore va spezzata come non siano presenti delle doppie applicazioni e che comunque l’azienda dia la possibilità di disinstallare parecchie applicazioni inutili.

Fotocamera:

Abbiamo realizzato un focus dedicato in cui esaminiamo tutto il comparto fotografico a cui vi rimandiamo.

Autonomia:

3000mAh che non mi convincono. Non so cosa sia andato storto, ma ancora rispetto al G4 è un enorme passo indietro. Pensavo fosse decisamente più solido da questo punto di vista, invece mi ha molto deluso. Consuma moltissimo in stand-by, speriamo possano risolvere nelle prossime settimane con i vari aggiornamenti.

Videorecensione:

Conclusioni:

Lo consiglio? Si, ma solo se siete alla ricerca di un camera phone con cui fare parecchie fotografie. Il comparto multimediale non è affatto male, pecca però solamente li dove deve essere un telefono.
Con un prezzo online di circa 450 euro, costa 1/3 in + del miglior prezzo online del G4. Conviene? No, penso che questo V10 sia stato solamente un esercizio di stile, non qualcosa su cui realmente puntare per il futuro.

Approfondisci

LG V10: test foto e video

Mettiamo sotto sforzo la fotocamera di LG V10, il quale riesce a fornire delle ottime prestazioni in tutte le situazioni di luminosità.

LG V10
LG V10

Dopo averne viste le prime impressioni, iniziamo a stressare pesantemente LG V10 provando uno degli aspetti che più dovrebbe garantire prestazioni di alto livello: la fotocamera.

La definirei semplicemente da urlo. Software completo in tutto, è uno dei pochi smartphone ad avere anche la possibilità di registrare video in modalità manuale. Diverse sono le modalità di scatto, a seconda della nostra preparazione.

I risultati? Scatta sempre bene, al momento la definirei la miglior camera su smartphone che io abbia mai provato.

Passando ai dati un po’ più tecnici, si tratta di un sensore da 16 megapixel dotato di una stabilizzazione ottica mostruosa. I video possono essere girati fino ad una risoluzione di 4K a 30 FPS.

Parlando invece del modulo anteriore, si tratta di un modello doppio da 5 megapixel in grado di scattare fotografie grandangolari o con una classica apertura standard. A mio avviso il software eccede un pochino troppo con l’effetto bellezza.

A seguire il classico test video e la galleria delle fotografie.

LG V10
LG V10

Approfondisci

LG V10: unboxing e prime impressioni

LG V10 è uno dei terminali più interessanti usciti nella parte finale dello scorso 2015 presentando non poche novità per l’azienda coreana.

LG V10
LG V10

Dopo LG G4, ecco arrivare sotto le nostre mani LG V10, quello che fino all’arrivo del G5 sul mercato è ancora uno, se non il, top di gamma dell’azienda coreana.

Il vero elemento distintivo rispetto al modello provato qualche mese fa è la costruzione. Sebbene LG G4, seppur realizzato in plastica, desse delle sensazioni ottime nella costruzione, questo V10 sulla carta dovrebbe fare ancora meglio grazie all’utilizzo del metallo, elemento non propriamente consono ad LG.

Il primo impatto non è affatto male, lo smartphone da delle buone sensazioni anche se forse è un po’ troppo grande. Il primo impatto che ho avuto, rispetto anche al mio Xiaomi Mi Note, è stato quello di avere uno smartphone pesante e non propriamente facile da usare con una sola mano.

Nelle prossime giornate faremo i nostri classici test di rito e vedremo poi quali conclusioni potremmo trarre su questo LG V10.

Approfondisci