Accessori

Recensione: adattatore Kinivo Bluetooth BTC450 per auto

DSC0092333

Molti impianti audio delle automobili moderne hanno ormai il Bluetooth integrato, ma chi invece non possiede un’autoradio di serie o che magari ha un vecchio modello ? Beh Kinivo in questo caso vi viene in contro con un prodotto economico e veramente prestante, il BTC450.

Come avrete sicuramente capito, sto parlando di un adattatore Bluetooth per le nostre autoradio. Tramite la semplice connessione con il cavo jack da 3,5mm nell’uscita AUX dell’impianto, avremo la possibilità di collegare il nostro smartphone, iPod o cos’altro possa sfruttare la connessione senza fili per la riproduzione di contenuti multimediali o, perchè no, rispondere alle chiamate.kinivo tre

Il dispositivo di per sè è molto compatto ed occupa veramente pochissimo spazio sulla plancia della nostra autovettura. Una cosa che però ho trovato veramente scomoda è il fatto di dover agganciare il Kinivo anche all’accendisigari.kinivo 2

Io possiedo una Lancia Musa in cui questa presa è situata di fianco al freno a mano, mentre lo stereo, ovviamente, vicino al volante. Capite già da soli che, essendo anche alta la macchina, la distanza fra i due ingressi è importante e, solo grazie a qualche piccola invenzione fra le scocche, son riuscito a nascondere quei due fili volanti esteticamente bruttissimi.

A livello di funzionamento non ho mai avuto problemi con questo dispositivo, anzi mi sono trovato decisamente bene rispetto anche ad altri prodotti concorrenti.

Conclusioni:

Screenshot 2014-09-16 at 16.08.59
Prezzo del 17/09/2014

Il BTC450 è sicuramente un buon prodotto. Io mi sono trovato veramente bene e, considerato anche il prezzo di vendita su Amazon.it, devo dire che è sicuramente un ottimo acquisto. La qualità audio è buona, ovviamente dipenderà anche dal dispositivo che andrete ad utilizzare, peccato solamente per questo sistema di costruzione non perfettamente idoneo per tutte le auto.

About the author

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato InstaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.