Categorie
Sport

Iannone: come compromettere il lavoro di Aprilia in MotoGP

Di Claudio Stoduto

Nel Motomondiale tiene ancora banco il caso Iannone che non si è per nulla sgonfiato con il centauro abruzzese che non professa alcuna parola.

Andrea Iannone è un pilota da MotoGP e le sue performance fino ad oggi lo hanno confermato nonostante il 2019 in chiaroscuro con l’Aprilia. Il team italiano ha investito su di lui in maniera considerevole ma i frutti sino ad oggi non si sono ancora visti. In molti, noi inclusi, attendevamo una definitiva esplosione con il prototipo 2020 che si pone con un approccio del tutto nuovo e diverso rispetto al passato.

Categorie
Intrattenimento

You – Amore e Social Network

Di Antonio Scalogna

Alla fine mi sono fatto convincere, ho guardato l’ennesima serie Netflix super chiacchierata

Molto spesso, per quanto mi riguarda, tutto il chiacchiericcio che si forma intorno ad una serie mi fa passare la voglia di guardarla, un esempio è Game of Thrones (sì, non l’ho mai vista e per ora non ho intenzione di guardarla).

Negli ultimi anni, inutile girarsi attorno, va di moda trattare argomenti di sesso, abusi e via dicendo (soprattutto su Netflix), You aggiunge un altro argomento trattando lo stalking, in un modo abbastanza realistico. Ricordo che è sempre una serie tv, quindi tutto è molto enfatizzato.

Categorie
Tecnologia

Monopattini elettrici in sharing a Torino, quale conviene?

Di Claudio Stoduto

Ormai da qualche settimana sono arrivati vari servizi di shargin di monopattini a Torino, quale fra i tanti servizi conviene?

Da buon utilizzatore di un Ninebot ES1 non potevo non vedere di buon auspicio quella che è la mossa con cui Torino ha accolto ormai da qualche settimana varie società di sharging dei monopattini elettrici.

Sono diverse ad operare, almeno per ora, nel nostro capoluogo piemontese con la speranza che non accada niente di brutto così come successe con le bici qualche anno fa. Purtroppo i presupposti ci sono tutti, ma si spera vivamente che la mamma degli idioti sia un po’ meno incinta questa volta.

Categorie
Tecnologia

DreamLab, un’app a sostegno di AIRC

Di Antonio Scalogna

Sostenere la ricerca con lo smartphone ma senza usarlo direttamente.

DreamLab è una di quelle applicazioni che meriterebbe più pubblicità dato il suo scopo benefico e un fine molto più grande e importante.

Cos’è DreamLab?

È un’app sviluppata da Fondazione Vodafone, l’idea è quello di mettere lo smartphone a disposizione della ricerca.
Per ora DreamLab ha come unico progetto Genoma in 3D, ovvero caratterizzare in modo dettagliato la struttura del DNA con l’obbiettivo di utilizzare tutte le informazioni raccolte per sviluppare terapie anti-tumorali personalizzate (fonte: DreamLab – Vodafone).

Categorie
Intrattenimento

Jumanji – The Next Level

Di Antonio Scalogna

Terzo film di Jumanji, con Dwayne Johnson si va sul sicuro.

Dopo le indimenticabili avventure del secondo capitolo di Jumanji, Spencer, Bethany, Fridge e Martha, tornano ad impersonificare i personaggi di Jumanji, questa volta per salvarla dal cattivo Jurgen il Bruto.

Quello che cambia è la distribuzione dei personaggi perché il gioco essendo rotto non fa selezionare i personaggi, infatti ci sono delle new entry tutt’altro che giovani, il nonno di Spencer e un suo amico che, trovandosi nei pressi del videogame, prendono il controllo di due personaggi.

Non mi dilungo più di tanto sulla storia, però vi dico che nonostante il film mi sia piaciuto tanto, due cose non mi sono piaciute, in particolare la prima (contiene spoiler):

INIZIO SPOILER
Come già detto il gioco è rotto e tra tutte le persone presenti vicino al gioco, l’unica che non riesce ad entrare è Bethany.
Lei va da Alex, ovvero l’attore Colin Hanks, nonché Nick Jonas dentro Jumanji e, non si sa in che modo, riescono entrambi ad entrare in gioco. Avrebbero dovuto spiegare il “come”. Sono convinto che una spiegazione ci sia ma probabilmente è rimasta in sala di montaggio.
FINE SPOILER

L’altra cosa che non ho apprezzato è la fortuna, sembra tutto pilotato/scriptato, ma se da una parte è negativo perché è un film, dall’ altra bisogna considerare che Jumanji resta comunque un gioco, quindi ci può stare.


Alla fine queste sono le uniche due vere critiche del film,
per il resto, mi sono divertito per tutta la durata del film e ho apprezzato un sacco la scena finale che fa ben sperare su un possibile seguito e, perché no, una degna conclusione di Jumanji.