Tecnologia

Twitter, torniamo alle origini

twitter-bird_0

Twitter è in assoluto il mio social network preferito, quello che ti riesce a dare un contatto diretto e forse più stretto per certi versi rispetto al suo grande rivale Facebook. Non a caso ormai lo utilizzo come centro pricinpale di quasi tutte le mie attività personali, mentre per il blog mi vedo “costretto”, per scelte forzate, a puntare molto di più su Facebook.

Dopo anni di utilizzo di client di terze parti ho deciso di optare per un’unica soluzione su tutti i miei dispositivi e di tornare al tanto chiacchierato client ufficiale di Twitter.

Sia chiaro che nel corso di questi anni qualche volta per pura curiosità lo ho installato, salvo poi ricredermi dopo pochissimi minuti per un non consono adattamento al mio utilizzo.
Nonostante queste premesse negative mi sono impegnato ed ora da circa una settimana lo sto utilizzando con grande piacere, anche su iPad al posto del tanto amato Tweetbot.

Indubbiamente il client ufficiale è cresciuto moltissimo in questi anni ma non ha ancora raggiunto il livello che molti di terze parti hanno da tempo. Non c’é un servizio di Tweetmarker, un’integrazione rapida con servizi di lettura posticipata come Pocket o una gradevole gestione delle liste. Assodato questo però ha sicuramente importanti funzioni che la stessa Twitter non rende disponibile a tutti gli sviluppatori, mantenendo quindi un certo distacco fra sè e la concorrenza.

Per il momento io mi trovo particolarmente bene, specie su Android dove comunque ho ridotto anche drasticamente i consumi rispetto al mio client precedente (Fenix). Detto questo il mio consiglio è quello di provarlo, mettervi lì qualche giorno e vedere come va.

About the author

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato InstaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.