Wind: 3 anni e zero problemi • instaNews
Tecnologia

Wind: 3 anni e zero problemi

Wind

Giusto in questi giorni cade la mia terza ricorrenza annuale con Wind, l’operatore italiano a cui mi sono legato nel lontano 2013 con una delle promozioni più convenienti dell’epoca.

Ciò che mi spinse a provare l’operatore arancione, considerato da sempre la 4 forza sul mercato, fu il fatto di avere una seconda scheda per i test di rito dei vari smartphone ed il fatto di poter avere un secondo numero di riserva su cui poter sempre contare. La scelta migliore ricadde su di lui per via dell’ottima, all’epoca, All-Inclusive Fresh da 6 euro mensili che offriva un pacchetto completo di minuti, messaggi ed internet.

Oggi, dopo tre anni, sono qui a raccontarvi come non abbia mai avuto alcun problema con esso. Nessun addebito strano, un servizio clienti sempre disponibile, delle promozioni chiare e con delle modifiche comunicate in largo anticipo sul prossimo rinnovo e con la possibilità di non accettarle. Oltre questo trovo anche che i prezzi a cui vengono proposti gli smartphone in acquisto a rate (che ho personalmente acquistato) siano molto interessanti e decisamente più convenienti rispetto alla concorrenza.

Si non ha il servizio perfetto, almeno qui a Torino, poichè non una copertura 4G vasta come i concorrenti e potente al punto tale da considerarla con questo nome, ma io personalmente navigo e parlo tranquillamente in tutti i luoghi in cui sono stato senza alcun problema e posso tranquillamente fare a meno di un simbolo differente sulla status bar del mio smartphone.

Ci lamentiamo molto spesso di questi operatori farlocchi che modificano le condizioni contrattuali sempre e solo a loro vantaggio, ma allo stesso tempo secondo me è giusto premiare e lodare l’ottimo lavoro fatto in questo lasso di tempo da uno dei pochi operatori che (con me) ha messo il cliente prima del profitto personale.

Voi siete durati così tanto con un operatore?

About the author

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato InstaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.