instaNews
instaNews > Intrattenimento > Luke Cage: la Marvel cinematografica ha un nuovo eroe

Luke Cage: la Marvel cinematografica ha un nuovo eroe

Ormai siamo abituati ad essere invasi da supereroi (Marvel o DC che siano) ed ora ne abbiamo un altro grazie a Netflix: Luke Cage.

Luke Cage, che molti di voi vi ricorderete in Jessica Jones (serie sempre prodotta da Netflix), è probabilmente il primo eroe afro-americano ad avere una serie tutta sua. Attraverso la serie di Jessica Jones abbiamo potuto capire alcune cose di Luke e del suo carattere: il sentirsi solo e pieno di rabbia dopo la morte della moglie e la distruzione del suo bar e la scoperta, o meglio ancora la consapevolezza, dei suoi enormi poteri. L’idea di un supereroe di colore che vive ad Harlem (simbolo per eccellenza della “ghettizzazione” afro-americana) ha un impatto importante sulla cronaca e le vicende attuali, soprattutto in America dopo gli ultimi accadimenti tra polizia e persone di colore, ma gli autori fanno sapere che le due cose non sono collegate in quanto questa serie è in fase di produzione (o quanto meno di stesura della sceneggiatura) dal lontano 2013.

Luke Cage, come ogni eroe tormentato che si rispetti, ha delle contraddizioni e dei dubbi che caratterizzano la sua vita divisa tra un volersi riscattare da un punto di vista personale (per rimediare a spiacevoli scelte del passato) e la possibilità di facile guadagno che i suoi poteri gli consentono di avere (diventando un mercenario). Il protagonista inoltre, come accennato prima, si colloca in un contesto più che mai attuale di criminalità e di vivere la vita giorno per giorno che caratterizza Harlem ed i quartieri simili.

La serie, essendo prodotta da Netflix, promette la qualità a cui il marchio americano ci ha sempre abituato ed il protagonista (Mike Colter) ha già dimostrato le sue abilità nelle episodi di Jessica Jones a cui ha partecipato. La prima stagione di Marvel’s Luke Cage è disponibile dal 30 settembre su Netflix ed è composta da 13 episodi.

Riccardo Delle Monache

Studente di Economia appassionato di tecnologia e sport. Mi piace scrivere perché permette di esprimere te stesso.