instaNews
instaNews > Editoriali > Amazon Prime: tanto caos per nulla

Amazon Prime: tanto caos per nulla

Amazon Prime moltiplica il prezzo ma non i servizi, avvicinandosi al costo degli altri paesi. Ne vale la pena ? Alcune riflessioni personali.

Amazon PrimeCome molti di voi avranno già letto in queste ultime ore, Amazon Prime a partire dal 4 aprile aumenterà in maniera significativa il costo dell’abbonamento. Il rincaro è una doccia fredda per tutti i clienti storici e non: si passerà dagli attuali 19,99€ ai 36€ annuali (80% in più). Quello che ha scatenato il malumore generale tra gli abbonati, me compreso, è che questa maggiorazione di prezzo non porta nessun aumento di benefici, anzi. Nell’ultimo periodo infatti ho notato un inaspettato peggioramento del servizio e in rete si moltiplicano le lamentele, sopratutto per i prodotti del Warehouse Deal; tuttavia è innegabile come Amazon in questi anni ci abbia abituato bene, modificando profondamente i nostri modi di acquisto. In ogni caso, essendo l’unica realtà che garantisce precisione e velocità, Amazon può sicuramente permettersi questo repentino aumento di prezzo senza doversi preoccupare della possibile perdita di sottoscritti: alla fine paghiamo noi in prima persona la mancanza di concorrenza in questo settore.

I nostri vicini di frontiera non se la passano meglio, infatti l’abbonamento annuale ha un costo maggiore sia in Francia (49€) che in Germania (69€); senza prendere in considerazione la Gran Bretagna dove sono necessarie 79 sterline (90€ circa) o addirittura gli Stati Uniti dove si arriva a dover sborsare 99 dollari (ma con Amazon Music incluso). Insomma un pacchetto premium a tutti gli effetti, sia nei servizi che nel costo.

Potremmo continuare a discutere per ore su questo cambiamento economico ma poi ognuno dovrà prendere la propria decisione, valutando in maniera sensata il modo in cui si sfrutta tutto l’insieme. Ritengo che siano stati molto furbi a non proporre lo scorporo dei vari servizi inclusi (Prime Video, Prime Foto, Twitch Prime) a prezzi differenziati: chi preferirebbe abbonarsi solo a Prime Video quando Netflix ha un catalogo nettamente maggiore ? Insomma o tutto o niente, a voi la scelta.

Walter Tomiati

Sono appassionato di ogni cosa che riguarda la tecnologia. Nel tempo libero sviluppo applicazioni Android (Tomiati Dev, Kubix Studio).