instaNews
instaNews > Tecnologia > YouTube Music e YouTube Premium: Google non sa che fare

YouTube Music e YouTube Premium: Google non sa che fare

Google prova a reinventare la propria piattaforma per trasformarla in un servizio di streaming, sia audio che video. YouTube Music e YouTube Premium sono  gli l’ennesimi servizi duplicati e sovrapposti.

YouTube MusicDopo alcune indiscrezioni che circolavano in rete Google ha ufficializzato YouTube Music e YouTube Premium, sostituendo di fatto Play Music e YouTube Red. Si tratta dell’ennesimo cambiamento in casa Mountain View, dopo il recente annuncio di Google News.

Il rinnovato servizio di streaming musicale, YouTube Music, entrerà in funzione il prossimo 22 maggio in Australia, Corea del Sud, Messico, Nuova Zelanda e Stati Uniti. Oltre a rimpiazzare Play Music, come accennato prima, YouTube Music si scontrerà direttamente con i principali player del settore come ad esempio Amazon Music, Apple Music, Deezer e Spotify. Si parla infatti di una piattaforma musicale vera e propria con brani originali, playlist dedicate e radio personalizzate. Non mancherà la ricerca con intelligenza artificiale ed inoltre verrà resa disponibile l’applicazione completamente rinnovata, sia per mobile che desktop. YouTube Music sarà usufruibile sia gratuitamente, con interruzioni pubblicitarie, sia tramite abbonamento mensile con un costo di 9,99 dollari, il quale darà la possibilità di riprodurre i brani in background e permetterà anche di scaricarli localmente.

YouTube Premium invece non sarà solo la controparte video, ma integrerà anche il servizio musicale appena visto. Con 11,99 dollari al mese si potrà usufruire di tutto il catalogo multimediale senza annunci pubblicitari e con la possibilità di effettuare il download; Inoltre garantirà l’accesso a contenuti esclusivi prodotti esclusivamente per la piattaforma. Un pacchetto completo che potrebbe essere più interessante del servizio YouTube Red, mai decollato pienamente.

Come accade molto spesso, noi italiani dovremmo aspettare il debutto in tempi successivi, con la speranza che Google non introduca o sovrapponga ulteriormente altri servizi. Attraverso il form in questa pagina potete iscrivervi per essere avvisati sulla disponibilità del servizio nel nostro paese.

Walter Tomiati

Sono appassionato di ogni cosa che riguarda la tecnologia. Nel tempo libero sviluppo applicazioni Android (Tomiati Dev, Kubix Studio).