instaNews
instaNews > Economia > BuddyBank non ha sconfitto Hype

BuddyBank non ha sconfitto Hype

Sto provando BuddyBank ormai da quasi un mese e la trovo una comodissima soluzione ma che non fa per me purtroppo.

img

Io e BuddyBank siamo ormai fedeli amici da circa un mese. La carta di UniCredit mi ha accompagnato nell’acquisto della mia prima televisione, della mia prima lavatrice e del mio primo frullatore per la casa nuova ma nonostante questo non mi ha convinto fino in fondo.

Al netto delle promozioni che la società ha voluto sempre garantire a qualsiasi nuovo utente, volevo testare con mano quello che in molti hanno definito come il vero e reale avversario di Hype di Banca Sella, il mio riferimento ormai da anni. Ovviamente anche in questo caso si tratta di una banca completamente online il cui tutto viene gestito direttamente dalla sua applicazione mobile senza un riferimento web ben preciso purtroppo. Questo potrebbe già essere un primo limite a seconda di come siete voi abituati e purtroppo, per me lo è.

Uno dei vantaggi che ho riscontrato rispetto al prodotto di Sella è la possibilità di poter versare del contante liberamente ed in maniera gratuita presso i moltissimi ATM evoluti di UniCredit che, ricordo, possono anche essere aperti 24 ore su 24. Una bella comodità che spesso mi avrebbe salvato nel fare più di venti chilometri delle volte per andare in pieno centro a Torino per fare un versamento. I soldi depositati saranno subito disponibili e contabilizzati senza dover quindi attendere delle ulteriori verifiche da parte di qualche persona prima di vederli apparire nel vostro conto corrente. Altra nota esternamente positiva è il servizio di assistenza via chat. Sembrerà banale, ma nel 2019 credo sia uno dei migliori ad oggi mai provati e non capisco ancora come ad oggi nessuno dei concorrenti abbia pensato di replicarlo in tutti i suoi aspetti. Ho avuto un paio di problemi, li ho risolti in meno di 5 minuti con un consulente dedicato senza dover fare code, stare per minuiti al telefono e quindi perdere la pazienza come niente. Veramente una risposta eccezionale che mi ha convinto a pieno specie se consideriamo che alla fine parliamo dei nostri soldi, non di bruscolini purtroppo.

Ci sono dei ma però perché, nonostante tutto, ad oggi la mia sfida viene vinta da Hype e qui lo anticipo. Mi manca tantissimo la funzione di invio del denaro verso altri utenti in maniera instantanea. Questo veramente lo uso quasi dieci volte a settimana ed è estremamente comodo per dividere le spese o farsi mandare del denaro al volo dai propri amici o parenti. Con BuddyBank purtroppo non è presente una funzione analoga ed anzi devo dire che più di una volta ho sentito questa assenza nel mio utilizzo. Ormai è diventata una sorta di abitudine per me sfruttare questa opzione e di conseguenza non averla mi ha dato non poco fastidio purtroppo al punto di ripassare dei soldi nuovamente su Hype.

Completati i miei test posso tranquillamente decretare il vincitore della mia personalissima sfida che è, come avete già anche letto, Hype. Infatti, nonostante i suoi mille difetti e problemi che ho più volte segnato anche su Twitter, rimane ancora oggi la soluzione migliore da questo punto di vista per chi non vuole spendere niente o quasi ed avere una carta conto molto completa e ricca di funzionalità. BuddyBank è un ottimo prodotto e lo consiglio ad ogni modo a tutti coloro che non vogliono avere null’altro se non la propria applicazione sul telefono e la comodità degli ATM di UniCredit in giro per le varie città. Nel mio caso però sarebbe stato un conto secondario e non avrebbe rispecchiato al volo quelle che sono le mie esigenze ovvero: il passaggio immediato del denaro dal conto principale alla carta di pagamento, Google Pay e l’invio di denaro ad altri utenti in tempo reale.

Spero ancora in un arrivo a breve di Revolut che, chissà, potrebbe finalmente cambiare le carte in tavola anche qui da noi.

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato instaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.