instaNews
instaNews > Recensioni > Hardware > Recensione: Honor 6

Recensione: Honor 6

DSC01154

E dopo averlo provato diversi giorni, finalmente siamo giunti alla recensione di uno dei prodotti più interessanti del 2014: Honor 6.DSC01155

Per chi non lo conoscesse, Honor è un nuovo brand lanciato completamente a parte da Huawei, che prima lo sfruttava come semplice modello dei propri smartphone. Perchè questo vi chiederete, semplice: l’azienda cinese vuole trasferire con questo marchio un sinonimo di qualità ed eccellenza a prezzi aggressivi. DSC01148

Devo dire che il concetto è passato in maniera chiara. A livello hardware abbiamo lo stesso processore (ottimo) del Mate 7, un HiSilicon K920 Octa-core con 3GB di RAM. Prestazioni eccezionali coadiuvate da un software che non ho mai trovato su altri dispositivi in grado di, finalmente, settare le impostazioni per ogni singola applicazione (dalla gestione in stand-by a quale rete poter utilizzare).DSC01147

La fotocamera l’abbiamo vista nei giorni scorsi, è buona. Un sensore Sony che scatta delle fotografie ben definite (13 megapixel), mentre per i video mi sarei aspettato qualcosa di più nell’audio che non è eccezionale.DSC01151

 

DSC01149

Una delle cose che più mi è piaciuta di questo smartphone è il design. Amo i telefoni squadrati e questo Honor 6, posso dire tranquillamente, ha fatto breccia nel mio cuore. Compatto nonostante i 5 pollici di display, solido, robusto e bello da vedere.

Si alcuni elementi sono stati presi da altri smartphone (vedi il flash in stile iPhone 5S) ma vi dirò, ormai è difficile differenziarsi.DSC01150

Non gli manca praticamente nulla, tra le altre cose: memoria interna da 16GB più l’espansione tramite MicroSD, batteria da 3100 mHa, camera frontale da 5 megapixel.

A seguire la videorecensione:

DSC01156

 

Conclusioni:

Come avrete sicuramente capito, Honor 6 mi è piaciuto moltissimo. Huawei è riuscita a mettere insieme tutti i componenti da top di gamma 2014 in uno smartphone compatto ed economico. Il telefono prende bene ovunque e dovunque (stiamo parlando di un Huawei) ed inoltre ha un’ottima autonomia con integrata una gestione del risparmio energetico eccezionale. Se proprio volete che trovi un piccolo difetto allora potrei dire la cover posteriore; non è in vetro come si pensava, ma in plastica e, se non protetta come nel mio caso, si riga abbastanza facilmente.

299€ per questo dispositivo, visti sulla carta, sono pochi se confrontati con la concorrenza. Come unico concorrente vedo il G2 in questo fascia di prezzo, che però è del 2013.

La scelta ovviamente sta a voi, io non avrei alcun dubbio qualora avessi 300€ da spendere.

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato instaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.