instaNews
instaNews > Recensioni > Hardware > Recensione: ASUS Transformer Book Flip TP300L

Recensione: ASUS Transformer Book Flip TP300L

Da qualche settimana sto provando, grazie ad ASUS Italia, un portatile molto interessante ma con qualche difettuccio, il Transformer Book Flip TP300L.

PfckeXPConfezione:

All’interno della confezione, leggermente più grande della media, troviamo solamente il computer ed il caricatore. Quest’ultimo è molto in stile MacBook e fortunatamente prevede il trasformatore attaccato alla presa e non staccato in seconda parte.

Design e dimensioni:

Il portatile misura 36,2 x 2,2 x 23,2 cm con un peso complessivo di circa 1,8 kg. Si tratta di un portatile da 13.3 pollici che, nella sua categoria, ha forse un peso troppo eccessivo visti anche gli altri modelli della stessa azienda.

La scocca è totalmente in alluminio ad eccezione della parte inferiore in plastica dura. Non apprezzo la scelta della colorazione nera nella parte superiore per il semplice motivo che rimangono troppe impronte. La costruzione in generale è più che ottima, non sono presenti scricchiolii e imprecisioni di fabbrica.

Il display ruota di 360° ma non si può sfruttare a pieno come tablet o come stand purtroppo.

Hardware:

Dotato del processore Intel i7 da 1.8 GHz che può arrivare fino a 3.1 GHz. La RAM installata è da 4 GB espandibile fino a 12 GB, il mio consiglio è almeno di portarlo fino ad 8 GB. Il disco rigido interno è da 500GB ma di tipo tradizionale, essendo forse unico delle sue pecche. Infine la scheda grafica è una GeForce GT820 da 2GB che permette di avere delle ottime prestazioni. Dotato di Bluetooth e Wifi fino alla versione n, forniscono al computer un’ottima dotazione di connettività. Le prestazioni sono più che buone ma un SSD credo fosse strettamente necessario.

Infine il display ahimè pecca parecchio. Essendo un prodotto touchscreen mi aspettavo almeno una risoluzione superiore al 1366 x 768 pixel. Purtroppo oltre questo anche la luminosità è molto bassa ed i colori un po’ troppo slavati. Si tratta di un pannello touchscreen che viene sfruttato per poche gesture.

Autonomia:

La batteria da 50 watt ora permette di raggiungere dei buoni risultati all’incirca fra le 5-6 ore con la luminosità al 40%, mentre se scendiamo al 30% superiamo le 6,30.

Il risultato non è affatto male considerando le prestazioni offerte e quindi è più che soddisfacente.

Videorecensione:


Conclusioni:

Venduto all’incirca a 600 euro su Amazon.it il prodotto nel suo complesso è molto valido. Se però consideriamo il disco SSD ed un peso ridotto in altri prodotti della stessa azienda, tra l’altro allo stesso prezzo, allora forse bisogna orientarsi verso quell’orizzonte. Peccato per l’implementazione del touchscreen perchè questo concetto di tablet/pc non ha funzionato completamente bene.

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato instaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.