Software

Recensione: 1Writer

1Writer
1Writer

Ho deciso di catapultarmi in maniera completa nel mondo del Markdown – come avrete letto di recente – e dopo aver provato alcuni software per iOS, ho trovato il mio editor di testo giornaliero per il mio iPad.

Di recente sto provando 1Writer, un’editor completo ed allo stesso tempo molto minimale che offre tutto il necessario per poter scrivere in maniera accurata.

Dal punto di vista grafico ho trovato che le varie scelte effettuate dalla software house hanno permesso all’utente di entrare subito in confidenza con il programma in questione.
Semplice e minimale, la scelta effettuata mi è sembrata fin da subito la migliore fino ad oggi testata su applicazioni di questo genere.

1Writer
1Writer

Passando all’editor vero e proprio la tastiera offre la classica composizione di iOS 9 più una fila superiore per le scorciatoie relative alla scrittura in markdown.
Con la sincronizzazione tramite iCloud Drive, Google Drive o Dropbox avremo la possibilità di sincronizzare tutte le nostre note in maniera semplice ed efficace.
Parte importante la hanno le azioni e gli URL scheme che se scaricati dalla pagina ufficiale permettono di avere in pochi semplici tap diverse funzionalità avanzate. Io ho configurato la possibilità di condividere automaticamente un articolo tramite WordPress qui sul blog oppure tramite Medium, il noto social network che permette di condividere le proprie note tramite l’account Twitter. In un solo tocco avviene l’operazione in maniera semplice ed efficace senza alcun problema, almeno per le azioni fino ad ora che ho utilizzato.

1Writer
1Writer

Conclusioni:

A 4,99 euro ho trovato il mio editor di testo. Nello specifico trovo 1Writer semplice, veloce e funzionale. Vale la spesa e la sincronizzazione attraverso sistemi terzi permettono di usare le note in diversi applicativi senza avere la necessità di sfruttare tutto tramite questo software esistente solo per iOS.

About the author

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato InstaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.