instaNews
instaNews > Editoriali > YouTube Italia: riflettiamo un secondo

YouTube Italia: riflettiamo un secondo

YouTube Italia è diventato ormai sinonimo di GamePlay e niente di più, ma dove sono finiti i veri creatori di contenuti ?

YouTube Italia
YouTube Italia

Questa mattina mi sono messo un secondo a girovagare su YouTube in cerca di qualche video interessante. Premetto che seguo molti YouTubers italiani ma mi sono fidato per una volta dei suggerimenti della piattaforma di Google.

Con grande piacere sono capitato su una serie di video a raffica che ruotavano intorno ad un unico grande argomento: le lamentele di Joke3r. Per chi non lo conoscesse, si tratta di un famoso YouTuber che realizza video esclusivamente legati al mondo dei videogiochi. La sua grande critica è stata mossa ad inizio novembre quando si lamentava con i propri iscritti delle poche visualizzazioni sui suoi video nonostante i circa 700000 iscritti al canale.
La sostanza è stata – condita con parolacce a non finire ed insulti verso il pubblico stesso – che per lui i suoi iscritti non apprezzavano realmente ciò che realizzava ogni giorno sputando sudore, sangue, tempo e fatica (parole sue).

Di contro vi consiglio di guardare ed ascoltare per bene il filmato di risposta realizzato dallo YouTuber trombon64 che riassume pienamente il pensiero di una persona “normale” e soprattutto di un ragazzo che fa tutto questo per passione.

Lamentarsi di un “lavoro” che non ti porta realmente nessun contro e vantaggi sotto tanti punti di vista (tra cui il lavorare a casa, quando vuoi, come vuoi, con i tuoi orari e soprattutto che ti fa girare gratis per il mondo) mi pare sia abbastanza ingiusto no ? Soprattutto se poi si sottolinea più volte il fatto che tutto questo sia una passione.
Oltre questo se prendete un canale come quello dello stesso Jok3r ed andate indietro nel tempo, capirete come il suo successo sia basato solamente su FIFA, il videogioco di calcio più venduto. Per cui lamentarsi del fatto che con questo gioco realizzi 200000 ipotetiche visualizzazioni mentre con un gioco più serio ne fai solamente 1000, beh non lo trovo tanto coerente.

A che livello siamo arrivati su YouTube Italia ? Dove sono realmente i creatori di contenuti di qualità (non intesa come i 60FPS per video) ? Adesso escludendo il settore tecnologico ragazzi, in Italia sono veramente pochi i ragazzi che realizzano contenuti belli, ma belli per davvero.

La massa vuole i videogiochi ? YouTube gli da i videogiochi, ma per me l’uguaglianza YouTube Italia = videogiochi non vale, anzi.

Date un occhio ai due video e fatemi sapere cosa ne pensate.

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato instaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.