instaNews
Home » L’evoluzione di Twitter sembra non aver fine

L’evoluzione di Twitter sembra non aver fine

Twitter Logo

Circa due settimane fa, in questo articolo, vi parlavamo di Twitter e del futuro che avrebbe potuto intraprendere il noto social network in seguito alle numerose voci che parlavano dell’introduzione di un nuovo algoritmo per la Timeline che l’avrebbe resa più simile all’attuale pagina principale Facebook.
A nemmeno un mese di distanza ci sono già varie novità delle quali parlare ma, per chi non se ne fosse ancora reso conto, dallo scorso ottobre Twitter si sta evolvendo molto velocemente dopo anni ed anni di staticità.

Ma che cosa è successo lo scorso ottobre? All’inizio del mese di ottobre, e più precisamente il 5 ottobre 2015, Jack Dorsey, co-fondatore ed ex amministratore delegato della società, è tornato a ricoprire nuovamente l’incarico di CEO all’interno dell’azienda e, da quel momento in poi, si può dire che per Twitter sia iniziata una piccola rivoluzione: negli ultimi sei mesi infatti gli utenti hanno assistito al miglioramento e all’introduzione di varie funzioni che noi cercheremo di riassumere brevemente.

La prima grande novità lanciata da Twitter negli ultimi sei mesi è Moments: come potete leggere nel blog ufficiale, Moments
permette di vedere in pochi istanti quello che sta accadendo nel mondo in base all’argomento scelto. Questa funziona al momento è disponibile solamente negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Brasile. Perché ne parliamo allora? Semplicemente perché possiamo usufruirne anche noi: infatti, pur non essendo ancora disponibile in Italia, una volta ottenuto il link potremmo usufruire di tale funzionalità. Ecco per voi alcuni esempi: Don’t change the date on your iPhone to January 1, 1970. Just don’t. – Watch Japan’s Sakurajima volcano erupt in lightning – Australia from space.

A breve distanza di tempo arriva anche un’altra importante funzione, questa volta disponibile in tutto il mondo ovvero i Sondaggi. Il 21 ottobre viene annunciato il rollout dei sondaggi per gli utenti Twitter: con pochi e semplici click tutti gli utenti potranno creare e partecipare ai sondaggi vedendone l’andamento in tempo reale. Nelle settimane successive i sondaggi hanno avuto alcuni miglioramenti: si passa da 2 opzioni ad un massimo di 4 ed è inoltre possibile scegliere la durata del sondaggio – inizialmente fissata a 24 ore -.

Nel mese di novembre il social network viene invaso dai cuori: Twitter decide di cambiare il tasto con la stellina relativo ai Preferiti con un cuore denominandolo Mi piace. Nei due mesi successivi arrivano altre piccole novità nella Timeline come un redesign della visualizzazione delle immagini allegate ai tweet, la possibilità di seguire gli streaming live di Periscope senza lasciare l’app sulla piattaforma iOS e la possibilità di vedere i principali tweet senza doversi registrare o accedere al proprio account.

La scorsa settimana è stato introdotto il famigerato aggiornamento della Timeline che ha fatto molto discutere gli utenti poiché, inizialmente, si pensava che questo nuovo algoritmo favorisse i tweet che ricevono più interazioni andando così a nascondere i tweet degli utenti meno popolari. Personalmente ho attivato la funzione da un paio di giorni e non ho visto sostanziali differenze; in ogni caso potete leggere più informazioni e scoprire come attivarlo direttamente dal post sul blog di Twitter.

Per ultime in tempo di introduzione, ma non per questo meno importanti, sono due nuove funzioni introdotte nei giorni scorsi: l’invio di video nei messaggi diretti e l’introduzione del pulsante dedicato all’inserimento delle GIF: dalle prossime settimane sarà infatti possibile cercare le GIF da allegare ai propri tweet direttamente dall’app o dal sito grazie ad una collaborazione con i servizi GIPHY e Riffsy.

Come avete capito, nell’ultimo periodo, sembra che Jack Dorsey si stia dando da fare per dare una nuova immagine ed una svecchiata al social network ammodernandolo come non mai. Voi cosa ne pensate? Siete soddisfatti dalle nuove funzioni oppure ritenete che forse ci sarebbe bisogno di concentrarsi su altre cose? Fateci sapere le vostre impressioni qui sotto nei commenti.

Filippo Favaro

Amo la tecnologia ed in particolar modo il mondo degli smartphone e computer. Divoratore seriale di serie TV.
Di recente sono passato al lato oscuro .