Tecnologia

Maggiore sicurezza con il nuovo standard WPA3

Dopo 14 anni è stato riprogettato il protocollo di cifratura per le reti senza fili, da oggi il WPA3 è realtà.

WPA3La sicurezza non è mai abbastanza, sopratutto quando si tratta di reti wireless. E’ per questo che la Wi-Fi Alliance, consorzio con oltre 500 membri che si occupa di sviluppare e diffondere uno standard unico in questo campo, ha ufficializzato il nuovo protocollo WPA3 (Wi-Fi Protected Access III). Dopo la scoperta di alcune gravi vulnerabilità di sicurezza presenti nel WPA2, è stato necessario riprogettare da zero il protocollo focalizzandosi su quattro punti distinti: protezione con algoritmo a 192bit (richiesto dal CNSS – Committee on National Security Systems), resistenza al brute force (tramite la tecnologia SAE – Simultaneous Authentication of Equals), cifratura differente per ogni dispositivo wireless collegato alla medesima rete ed abbinamento facilitato anche per i dispositivi IoT senza schermo (attraverso il Wi-Fi Easy Connect).

Il nuovo standard WPA3 adotterà, allo stesso modo del predecessore, due versioni specifiche: Personal ed Enterprise. Come potete ben immaginare il primo, WPA3-Personal, è indicato per le reti basilari come quelle domestiche mentre il secondo, WPA3-Enterprise, è ottimizzato per le reti complesse e di grandi dimensioni. Per vedere i primi prodotti con protocollo WPA3 dovremmo tuttavia aspettare il prossimo anno, poiché attualmente la Wi-Fi Alliance non ha imposto l’obbligo di adozione; secondo le prime stime la diffusione su larga scala invece non avverrà prima del 2020. Maggiori informazioni sono disponibili nel comunicato ufficiale.

About the author

Walter Tomiati

Sono appassionato di ogni cosa che riguarda la tecnologia. Nel tempo libero sviluppo applicazioni Android (Tomiati Dev, Kubix Studio).