Rottamazione cartelle e rateizzazioni: le novità dall’Agenzia delle Entrate

0
125

Rottamazione cartelle e rateizzazioni: con il decreto legge ‘Ristori quater’ sono state introdotte divetrse novità per i pagamenti 

Tra i provvedimenti più importanti del decreto legge Ristori quater c’è quello sulle rottamazioni delle cartelle. Fissa il posticipo dal 10 dicembre 2020 al 1° marzo 2021 del termine per effettuare il versamento delle rate della Rottamazione-ter e del saldo e stralcio in scadenza nell’anno 2020, senza perdere le agevolazioni previste. Ma introduce anche importanti novità per i contribuenti per la rateizzazione del debito.

Rottamazione cartelle e rateizzazioni: le novità dall’Agenzia delle Entrate (Websource)

Finalmente sul sito dell’Agenzia delle entrate sono state pubblicate le Faq, cioè le risposte alle domande più frequenti, aggiornate con le novità del Ristori quater. La soglia di debito per ottenere la rateizzazione è stata portata da 60 a 100 mila euro, senza la necessità di documentare la situazione di difficoltà al pagamento in un’unica soluzione. Varrà per le richieste di dilazione presentate  entro il 31 dicembre 2021.

Sempre entro quella data sarà possibile chiedere una nuova dilazione per tutti i contribuenti che prima dell’8 marzo 2020 avevano cessato precedenti piani di rateizzazione. Confermata anche la possibilità di beneficiare di un periodo più esteso per la decadenza nel caso di mancato pagamento di 10 rate, anche non consecutive.

Rottamazione cartelle e rateizzazioni, la risposta alle domande più frequenti

Tasse e rottamazione cartelle, cosa cambia (Pixabay)

Novità anche per chi non poteva più accedere alle definizioni agevolate degli anni precedenti per mancato, insufficiente o tardivo versamento delle rate scadute. Potrà chiedere, sempre entro il 31 dicembre 2021, una rateizzazione per le somme che deve ancora pagare allo Stato.

Infine rimane fissata al 31 dicembre 2020 la sospensione dei pagamenti delle cartelle in scadenza tra l’8 marzo ed il 31 dicembre 2020. Il pagamento di tutta la somma dovuta dovrà essere effettuato entro al massimo il 31 gennaio 2021.

Per tutte le informazioni sulle novità introdotte negli ultimi mesi e legate alla situazione di emergenza da Covid-19 ci sono diverse possibilità. I cittadini possono consultare il sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it oppure scaricare l’app Equiclick o rivolgersi al Contact Center (numero 060101).