Xiaomi Mi 11, sul caricabatterie la scelta sarà dei clienti

0
221

Il primo top di gamma del 2021 è Xiaomi Mi 11. C’è una bella novità per quel che riguarda il caricabatterie: saranno gli utenti a decidere

Xiaomi Mi 11
web source

Il nuovo anno sembra promettere bene con tante novità per quel che riguarda la tecnologia e gli smartphone. Il primo top di gamma del 2021 sarà Xiaomi Mi 11: la casa di produzione cinese ha ufficializzato in questi giorni il nuovo modello, che sarà il primo al mondo a montare il processore Snapdragon 888.

Si tratta del chip che diventerà un must nei prossimi top di gamma della concorrenza, e che promette prestazioni spettacolari. Il telefono avrà due versioni da 128 e 256gb di memoria, con 8 o 12 gb di Ram. Ha un display amoled con quadrupla curvatura con diagonale da 6,81 pollici, frequenza 120 Hz, risoluzione quad hd+ e supporto hdr10+.

Per quel che riguarda il prezzo, come sempre basta prendere in esame quello cinese e fare una conversione monetaria. Stando a queste stime Mi 11 costerà:

  • 500 euro (3999 rmb) per il modello 8/128
  • 535 euro (4299 rmb) per il modello 8/256
  • 590 euro (4699 rmb) per il modello 12/256

Xiaomi Mi 11, i clienti decideranno sul caricabatterie

Caricabatterie Xiaomi
web source

Non vi abbiamo parlato ancora della batteria e del caricabatterie perchè tutto ciò richiede un discorso a parte. La batteria di Xiaomi Mi 11 è da 4600 mAh, non esagerata, ma supportata da ricarica rapida a 55 watt (50 watt wireless) e ricarica inversa a 10 watt.

Anche Xiaomi, così come Apple, ha però deciso di rimuovere il caricabatterie dalla confezione di Mi 11. E ovviamente questa scelta, basata secondo loro su un discorso ecologico-ambientale, non è stata presa bene da molti utenti.

Le ultime notizie però sembrano accontentare anche gli scontenti: Xiaomi infatti venderà due confezioni diverse, una senza caricabatterie e una che lo comprende. Il tutto allo stesso prezzo, lasciando così ai propri clienti la decisione. Una scelta di marketing decisamente inattesa che da un lato farà felici gli ambientalisti, dall’altra permetterà a chi vuole di avere il “pacchetto completo”.

Non ci resta che attendere la data di uscita ufficiale sul mercato italiano, visto che ancora non è stata annunciata.