Covid-19, bollettino del 25 febbraio 2021: i numeri in tempo reale

Puntuale, come ogni giorno, torna l’appuntamento  con il bollettino del Ministero della Salute e della Protezione Civile: tutti i numeri del contagio

Ogni pomeriggio i numeri ufficiali forniti dalla Protezione Civile e dal Ministero della Salute aiutano  a inquadrare la fotografia sulla pandemia da Coronavirus nel nostro Paese. Noi di InstaNews ve li forniamo in tempo reale.

protezione civile, Bollettino covid
websource

Tutti i giorni verso le 17, da diversi mesi, la Protezione Civile fornisce i dati del bollettino legato ai numeri dei casi di Covid-19. Per leggere il bollettino completo con tutti i numeri del 24 febbraio potete cliccare qui.

Tutti i dati del contagio di oggi, 25 febbraio 2021

Totale casi: 19.886 contagiati

Morti: 308

Tamponi: 443.704

Ricoverati: +40

Terapie intensive: +11

Tasso di positività: 4,5% (-0,3%)

Vaccinati totali: 3.872.278

Guardiamo nel dettaglio i dati relativi ad ogni singola regione. Qui di seguito la tabella complessiva e vediamo anche quella dei singoli territori che mostra l’aumento o la diminuzione dei contagi rispetto ai dati del giorno precedente.

Lombardia: +4.243

Veneto: +1.304

Piemonte: +1.454

Campania: +2.385

Emilia Romagna: +2.092

Lazio: +1.256

Toscana: +1.374

Sicilia: +613

Puglia: +1.154

Liguria: +452

Friuli Venezia Giulia: +683

Marche: +732

Abruzzo: +653

Sardegna: +80

P.A. Bolzano: +355

Umbria: +267

Calabria: +194

P.A. Trento: +406

Basilicata: +124

Molise: +63

Valle d’Aosta: +2

I numeri di oggi confermano in ogni caso che l’Italia è lontana dall’uscita dalla crisi. Una settimana fa infatti c’erano sei regioni sopra la soglia critica pari al 30% dei posti letto in terapia intensiva occupati da pazienti Covid e ora sono salite a otto.Lo conferma il monitoraggio pubblicato sul portale dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, aggiornato al 24 febbraio. Sono Umbria (57%), Abruzzo (37%), Friuli Venezia Giulia (33%), Lombardia (33%), Marche (36%), Molise (36%), P. A. di Bolzano (35%), P. A. di Trento (39%).