instaNews
instaNews > Recensioni > Accessori > Recensione: Veho Pebble Smartstick

Recensione: Veho Pebble Smartstick

DSC00911

Rimanere senza batteria sullo smartphone nel tardo pomeriggio è molto facile, per questo sul mercato possiamo trovare tantissimi supporti d’emergenza che ci permettono di salvare la nostra giornata. Fra questi, vi segnalo oggi, il Veho Pebble Smartstick.
DSC00910

Dovessi riassumerlo in poche parole direi: compatto ed efficiente. Si perchè questo Smartstick e paragonabile, a livello dimensionale, ad un evidenziatore, o se meglio volete a quattro sigarette messe insieme. Questo fa si che metterlo nella tasca della borsa o della giacca sia veramente un gioco da ragazzi, con un impatto dimensionale (22 x 86 mm) e di peso (70 gr) pari a zero seppur sia realizzato in metallo.

Se a questo sommiamo poi la capacità, non da ridere viste le dimensioni, da 2200 mHa potremo ritenerci più che soddisfatti.

La ricarica di uno smartphone avviene con tempi abbastanza buoni per il prodotto in questione. Un iPhone viene completamente ricaricato senza problemi fino al 100% in circa un’ora e poco più; se invece ci spostiamo su dispositivi tipo un LG G2 con una batteria decisamente più capiente, beh qui ci fermiamo a circa un 60% con una ricarica decisamente più lenta che arriva anche a due ore.
DSC00912

Conclusioni:

Potete trovare il Pebble Smartstick di Veho a 25,49€. Attenzione però, se la qualità e la bontà di questo accessorio non sono in discussione, un discorso diverso va fatto sulla dotazione dei cavi di ricarica. Come potrete notare manca il cavo Lightning per i dispositivi Apple ed il cavo di ricarica è veramente molto molto corto. Tutto questo però non incide sulla valutazione più che positiva del prodotto visto che possiamo sempre utilizzare il cavo di ricarica fornito nella confezione dello smartphone.

Potete trovare questo Caricabatterie per LG G2 ed anche per altri smartphone direttamente sullo store di Mobilefun.it.

 

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato instaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.