instaNews

What’s On My iPhone: @lrazovic

La Homescreen del proprio Smartphone è diventata con il passare del tempo sempre più importate e personale, oggi vi mostro la schermata principale del mio iPhone 6 64GB.

Partiamo dallo sfondo, realizzato dai sviluppatori di Firewatch, un videogioco di recente uscita disponibile per Windows, Mac OS X, Linux e Playstation 4, potete trovarlo in vari formati e colori presso il blog che segue lo sviluppo del gioco.

Partendo dall’angolo in alto a sinistra troviamo:

  • Apple Foto: L’applicazione di default per visualizzare le foto, avendo tutte le foto sincronizzate attraverso la iCloud Photo Library non ho altre alternative.
  • Calendario: Anche in questo caso utilizzo il calendario stock fornito da Apple, non è sicuramente il più potente sul mercato, però per quel poco che lo uso svolge egregiamente il suo lavoro e, soprattutto, l’icona si aggiorna ogni giorno con la data odierna, purtroppo una funzione che solo le applicazioni sviluppate da Apple stessa possono sfruttare.
  • VSCO: Semplicemente la migliore applicazioni per scattare foto, modificarle con filtri fantastici e tenerle sincronizzate ed organizzate.
  • Note: Per anni ho utilizzato Evernote e/o Google Keep, ma con iOS 9 e specialmente iOS 9.3 sono diventate sempre più funzionali, per adesso non sento la mancanza di servizi più famosi.
  • Google Maps: La preferisco all’applicazione di Apple per il semplice fatto che a Roma non ci sono ancora le indicazioni stradali per i mezzi pubblici, presenti invece nella controparte di Google, che ovviamente si comporta egregiamente anche per spostamenti in auto o a piedi.
  • Castro: La mia applicazione preferita per ascoltare i Podcast, interfaccia semplice e pulita, vi consiglio di provarla anche perché dallo scorso Novembre è diventata gratuita con un sistema di ”Patron” se si volesse supportare lo sviluppo dell’applicazione.
  • Spotify: Visto che Vodafone include un anno di Spotify Premium con la promozione Under 30 lo utilizzo per ascoltare i singoli appena usciti, playlist con canzoni che altrimenti non avrei mai ascoltato e apprezzo le funzioni più particolari quali ”Running” e “Discover Weekly”.
  • Orologio: La apro solo la sera per impostare la sveglia, è nella pagina principale perché mi serviva un’applicazione con un’icona con elementi neri che si accostava bene a Spotify.
  • Reeder: I Feed RSS per molti sono una tecnologia del passato, secondo me sono ancora utili e Reeder 3.0 è praticamente perfetto.
  • Impostazioni: In assenza di un Control Center personalizzabile, avere questa applicazione sempre a portata di mano è essenziale.
  • Inbox: Gestire le Email con questo fantastico servizio made in Google che permette di filtrare e organizzare al meglio le Mail, magari usato in sinergia con Boxy sul Computer, mi permette di non perdere mai una Mail importante.
  • narwhal: La migliore applicazione per consultare Reddit da un dispositivo iOS, purtroppo l’icona è discutibile.
  • App Store: Non credo serva aggiungere altro.
  • iTV Shows: Per un appassionato di serie tv è essenziale tenere traccia delle puntate viste, da vedere e le nuove uscite, per un certo periodo ho avuto problemi con la sincronizzazione attraverso iCloud, però ora sembra tutto risolto.
  • 1Password: Applicazione per archiviare in maniera sicura tutte le proprie password, una delle applicazioni essenziali nel mio quotidiano.
  • Money Flow: Applicazione non troppo famosa, ma costantemente aggiornata e molto curata esteticamente, permette di tenere traccia delle proprie spese e dei ricavi.
  • Apple News: Per attivarla in Italia ho semplicemente impostato la Lingua in Inglese e la Regione in United States, applica la filosofia del it just works alle notizie.
  • Slack: Applicazione per comunicare usata dal team di InstaNews.
  • Tweetbot 4: La migliore App per utilizzare Twitter, specialmente se usata in contemporanea alla controparte, non certamente economica, per Mac OS X.
  • Facebook: Anche in questo caso non credo sia necessario dilungarmi.

Menzione speciale alle App che si sono meritate un posto sulla Dock, che rappresenta l’essenza dell’iPhone, ossia un telefono nato per comunicare, ascoltare musica ed navigare su Internet.

Leonardo Razovic

Uno studente di Ingegneria Informatica di 20 anni appassionato di tecnologia con un serio problema di dipendenza da serie tv.