instaNews
instaNews > Recensioni > Hardware > Recensione: HP ENVY 13

Recensione: HP ENVY 13

HP ENVY 13 visto dall’alto

Nelle scorse settimane, grazie ad HP Italia, ho avuto modo di provare uno degli Ultrabook con a bordo Windows 10 più belli presenti attualmente sul mercato ovvero l’HP ENVY 13, e per la precisione il modello D003NL. A differenza dell’HP Spectre x360 testato dal mio collega Leonardo, il format factor dell’HP ENVY 13 è quello di un classico notebook e quindi niente schermo touch e nessuna possibilità di ribaltare o staccare lo schermo.


Confezione

Il contenuto della confezione di vendita è quello standard che è possibile trovare in praticamente qualsiasi notebook ovvero il PC, l’alimentatore da 45W, la classica manualistica per l’utente ed una guida per l’uso rapido del prodotto. Una volta tolta il foglio gommato che evita movimenti del prodotto all’interno della scatola, quello che ci salta subito all’occhio è il bellissimo Envy 13 nel suo colore argento.

Design e dimensioni

Nel caso ancora non lo aveste capito dal punto di vista estetico, e non solo, mi sono davvero innamorato di questo prodotto: una volta estratto dalla scatola e preso in mano mi hanno subito colpito i materiali utilizzati e la qualità costruttiva che fanno rendere conto all’acquirente di avere in mano un prodotto premium senza mai averlo utilizzato e senza nemmeno conoscerne la scheda tecnica. Le dimensioni del prodotto sono in linea con quelle degli altri notebook sul mercato con display da 13,3” ovvero 32,7 x 22,8 x 12,9 cm con un peso di 1,27 kg.

 

Dettaglio della cerniera di HP ENVY 13
Molto bella dal punto di vista estetico la cornice inferiore dello coperchio del PC, protetta da degli inserti in gomma, che una volta aperto lo schermo va a rialzare la parte della tastiera del notebook in modo tale da favorire sia la digitazione sia l’areazione del prodotto. Qualità costruttiva degna di nota: il prodotto è robusto, non si avvertono scricchiolii ed anche effettuando della pressione sulla tastiera quest’ultima non flette; degna di nota anche l’attenzione per i dettagli che l’azienda ha riservato per il prodotto: oltre ai sopracitati piedini in gomma per evitare di graffiare l’alluminio e aumentare il grip ho trovato molto bello dal punto di vista del design le texture che troviamo ai lati della tastiera in corrispondenza dei due altoparlanti di sistema ed il bordino cromato attorno al touchpad.

Hardware

A bordo di ENVY 13 troviamo l’ultima generazione dei processori di Intel e nello specifico, nel modello da me in prova, l’Intel Core i5 6200U da 2,3Ghz con Turbo Boost fino a 2,8 Ghz ed in abbinato la scheda grafica Intel HD Graphics 520 che garantiscono ottime prestazioni nell’utilizzo di tutti i giorni grazie anche all’abbinata dell’SSD da 256GB che va a sopperire in parte ai soli 4GB di RAM presenti nel modello base. L’SSD montato è di tipo M2 e garantisce velocità di lettura fino a 540MB/s e di 300MB/s in scrittura che permettono di far si che il PC si accenda in una manciata di secondi e sia sempre reattivo e veloce nell’apertura dei programmi e nello spostamento di file.

 

HP ENVY 13 visto frontalmente
HP ENVY 13 visto frontalmente
Il pannello montato è un IPS in risoluzione FullHD con una luminosità massima di circa 330 cd/m² che, combinata con il rivestimento opaco dello schermo, garantisce una più che buona visibilità in ambienti molto luminosi e all’aperto. Esiste anche una versione con schermo QHD e rivestimento lucido ma personalmente ve la sconsiglio: oltre ad aumentare i consumi molti programmi, tra i quali anche la suite di Adobe, non supportano correttamente lo scaling di Windows sui pannelli HDPI causando scritte minuscole che richiedono l’intervento manuale per sistemare il problema.
Appena acceso il computer Windows 10 imposta come scelta consigliata l’ingrandimento degli elementi al 150%, personalmente vi consiglio di impostarlo al 125% in modo tale da aumentare un po’ di spazio di lavoro.

 

Tastiera e touchpad per me sono stati un po’ amore ed odio e adesso vi spiego subito il motivo iniziando da quest’ultimo: il touchpad è ampio, sensibile e ben scorrevole ed ovviamente supporta tutte le gesture di Windows 10 ma l’ho trovato sproporzionato. Personalmente avrei preferito se fosse stato 1 cm più corto ed 1 cm più alto per via delle gesture a più dita di Windows che molte volte mi hanno portato sul bordo superiore. In ogni caso il feedback che restituisce mi è piaciuto molto e non è eccessivamente rumoroso. 
Per quanto riguarda la tastiera mi è piaciuto molto il feedback che restituiscono i tasti e anche quest’ultimi non li ho trovati poi così tanto rumorosi, quello che mi è piaciuto meno è la retroilluminazione della tastiera che è solo in due modalità ovvero spenta o accesa e cosa per me inspiegabile è la barra spaziatrice priva di retroilluminazione. Altra cosa che non mi è piaciuta molto è la disposizione dei tasti sulla tastiera come ad esempio la ù si trova dove solitamente c’è parte del tasto invio o i tasti funzione in seconda battuta: se fate molto uso dei tasti funzione infatti risulta abbastanza scomodo dover premere ogni volta Fn (piccola chicca: Alt-F4 chiude in ogni caso il programma in primo piano).

 

Tastiera e touchpad di HP ENVY 13
Nella parte destra del PC, sotto alla tastiera, è inoltre presente un sensore biometrico che permette di rilevare fino a 10 diverse impronte digitali. Molto buoni anche gli altoparlanti stereo ai lati della tastiera con certificazione Bang & Olufsen anche se vi sconsiglio di utilizzarli al di sopra del 90% poiché con alcuni suoni (come ad esempio quelli di sistema di Windows) tendono a gracchiare.
Dal punto di vista della connettività troviamo una dotazione in linea con prodotti della stessa categoria: sul lato sinistro troviamo il lettore di schede SD, una USB 3.0 con tecnologia HP USB Boost che permette di caricare i dispositivi connessi anche a notebook spento, il jack da 3,5 mm per le cuffie ed un foro per il l’attacco Kensington; sul lato destro troviamo invece due porte USB 3.0, una porta HDMI e l’ingresso per l’alimentatore. Dal punto di vista wireless il dispositivo integra 4 antenne Wi-FI 802.11a/b/g/n/ac e Bluetooth 4.0 con supporto Miracast.

Software

A bordo di HP ENVY 13 troviamo Windows 10 nella versione Home con purtroppo un gran numero di programmi preinstallati dei quali solo alcuni ho trovato realmente utili. Nulla di drammatico e ci vogliono 10 minuti di orologio per rimuoverli ma personalmente avrei preferito trovare una versione di Windows più pulita e senza programmi preinstallati come McAfee, Avast SecureLine, Dropbox (il quale vi regala 25GB di spazio per 12 mesi), Evernote, Snapfish, Solitario, TheWeatherChannel, Hearts, TripAdvisor, Booking ed Amazon.
La suite HP Support Assistant, con mia sorpresa, si è rivelata essere molto utile: con pochi click è possibile ottenere l’ultima versione dei driver e dei programmi di HP preinstallati, verificare lo stato della garanzia del prodotto ed eventualmente comprare anche dei pacchetti per estenderla e sopratutto verificare lo stato della batteria del prodotto.

 

HP Support Assistant
La suite ci permette infatti di verificare lo stato della batteria del prodotto verificando anche il numero di cicli della batteria e l’eventuale capacità persa nel periodo di utilizzo della macchina.
Come anticipato poche righe sopra mi è piaciuto molto anche il sensore biometrico che permette di sfruttare appieno le funzionalità di Windows Hello ovvero l’accesso al proprio account senza necessità di inserire la password e, con Windows 10 Anniversary Update, sarà possibile accedere anche ai siti web tramite Microsoft Edge. Una funzionalità simile è già attualmente disponibile tramite il tool HP SimplePass che si va ad integrare anche con Google Chrome.

 

Il sensore biometrico permette di sfruttare Windows Hello
Per quanto riguarda i driver preinstallati vi devo segnalare che appena acceso il PC ho avuto alcuni problemi con lo schermo che presentava dei glitch una volta riattivato il computer dalla sospensione; per sistemare il problema è bastato scaricare l’ultima versione dei driver per la scheda video direttamente dal sito di Intel.
Vi consiglio inoltre di rimuovere subito McAfee: Windows 10 integra già Windows Defender che è gratuito e funziona senza alcun tipo di problema e sopratutto è molto meno invasivo ed esoso di risorse rispetto al primo.

Autonomia

L’autonomia del prodotto mi ha soddisfatto considerando che il prodotto, dopo quasi un anno di utilizzo, ha perso il 10% della capacità. Qui di seguito vi riporto i risultati di vari test che ho eseguito per verificare l’autonomia della batteria da 45W:
  • Test 1: con la luminosità al 100%, Wi-Fi e Bluetooth attivi, navigazione e streaming video tramite Chrome (sempre almeno 3 schede aperte) la batteria cala del circa 23% ora garantendo così un’autonomia di circa 4 ore e mezza;
  • Test 2: con un utilizzo identico ma andando a diminuire la luminosità al 60% la percentuale della batteria scende del 20% ogni ora facendoci guadagnare un’altra mezz’ora di autonomia;
  • Test 3: con la luminosità al 50%, connessioni Wi-Fi e Bluetooth attive e navigazione leggera/scrittura e tastiera retroilluminata il consumo scende fino al 18% ora arrivando fino a circa 5 ore e mezza di autonomia;
  • Test 4: utilizzando programmi più pesanti o facendo uso di programmi che utilizzano la scheda grafica come, ad esempio, Minecraft con un paio di resource pack attivi e luminosità al 75% la batteria cala del 30% ogni ora garantendo così un’autonomia di 3 ore e mezza.
Insomma da queste settimane di utilizzo quello che ho riscontrato è che con utilizzo abbastanza vario si raggiungono sempre le 4 ore e mezza di autonomia mentre con un utilizzo più pesante l’autonomia cala a circa 3 ore. Ovviamente in questi test non ho tenuto conto del deterioramento della batteria che in linea di massima porta via dai 20 ai 30 minuti di autonomia.

Conclusioni

Per concludere ecco in breve il riassunto dei pro e dei contro che ho riscontrato in queste settimane di utilizzo:
PRO:
  • qualità costruttiva;
  • buon pannello IPS con rivestimento opaco;
  • sensore biometrico in accoppiata con Windows Hello;
  • tuochpad;
  • feedback della tastiera;
  • altoparlanti frontali potenti e di buona qualità;
  • HP Support Assistant è un valore aggiunto.
CONTRO:
  • luminosità tastiera non del tutto convincente;
  • disposizione tasti;
  • altoparlanti con volume massimo in alcuni casi gracchiano;
  • software inutile preinstallato;
  • driver con qualche bug.

 

In definitiva vi consiglio l’acquisto del prodotto? Si, il prodotto è molto valido ed è stato un piacere utilizzarlo in queste settimane.
HP ENVY 13 è un prodotto adatto ad una vasta utenza, infatti la dotazione hardware permette di essere una buona macchina per gli studenti universitari che passano varie ore fuori casa visto che con qualche accorgimento si raggiungono facilmente le 6 e più ore di autonomia o anche ad un professionista che magari fa uso della suite Office, Photoshop o Visual Studio in mobilità e che ha bisogno di una discreta autonomia in abbinata ad una buona potenza.
HP ENVY 13 è disponibile sullo store HP ad un prezzo base di 820€ anche se vi consiglio di effettuare una ricerca nei vari siti di e-commerce poiché in molti casi riuscite a portarvi a casa il PC alla cifra ben più allettante di 700€.

Filippo Favaro

Amo la tecnologia ed in particolar modo il mondo degli smartphone e computer. Divoratore seriale di serie TV.
Di recente sono passato al lato oscuro .