Conviene oggi comprare un MacBook Pro?

Leggendo in Rete parecchie considerazioni a riguardo, mi sono realmente chiesto se oggi conviene, oppure no, comprare uno dei nuovi MacBook Pro di Apple, il modello con la touch bar per intenderci.

MacBook Pro Late 2016

Tralasciando l’aspetto esteriore, funzionale ed economico (potremo stare qui delle ore a parlare di quanto siano insensati a livello di prezzo) volevo concentrarmi realmente sui limiti che molti utenti hanno riscontrato in queste macchine a livello hardware.

Già molti analisti parlano di nuovi modelli nel 2017 con prestazioni superiori, una durata della batteria migliore e le nuove tecnologie di Intel a bordo. Quindi? Mi pare minimo e scontato, non trovate? Sono update annuali per cui lo davo anche per certo, invece pare che scoprano tutte le volte l’acqua calda, va beh.

Andiamo oltre e parliamo della tanto discussa scelta relativa ai processori SkyLake piuttosto che i nuovi Kaby Lake. Vanno male questi computer? Non vi aprono Photoshop in 0,0000001 secondo? Dai su ragazzi, queste sono tutte fregnacce fine a loro stesse. Dal punto di vista hardware i computer sono più che validi e le prestazioni lo dimostrano. Difetti di produzione non ne hanno avuti, per ora, e l’unico neo hardware può essere visto nelle discusse porte Thunderbolt a cui bisogna solamente abituarsi.

Un capitolo a parte lo metterei in merito alla RAM. Il discorso qui è ben diverso; per come Apple ci sta facendo passare questi prodotti, essi dovrebbero sostituire in tutto e per tutto un fisso tradizionale senza alcun limite computazionale. Va da solo capire che (per ora) i 16GB di RAM ad alcuni utenti veramente pro possono risultare pochi, specie se rapportati alle tipologie ed alla pesantezza dei file arrivati in questi ultimi anni.

In conclusione vi dico che oggi sono delle ottime macchine e conviene acquistare un MacBook Pro ma allo stesso tempo possono essere molto meno pro di quanto ci si possa aspettare. Forse il vero potenziale completo di queste macchine, per chi dovrà sostituire realmente un Mac Pro, lo vedremo con la prossima generazione ma come sempre è un discorso ciclico legato a tutte le grandi novità/rivoluzioni tecnologiche.

Share

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato instaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.

4 Responses

  1. fusgol ha detto:

    Caro Claudio, per me l’unica cosa che conta adesso è il prezzo. Sono delle ottime macchine e nessuno lo mette in dubbio, ma così come successe con i primi Retina, avranno senso solo dopo un pricecut di almeno 300€.

    • Claudio Stoduto ha detto:

      Sono pienamente d’accordo e non ho voluto toccare l’argomento prezzo perché ci sarebbe molto da dire.
      Come primi ora costano tanto, basterà attendere qualche ciclo produttivo ma se si ha fretta la novità è giusto che si paghi, come in ogni cosa.

      Ora come ora conta il prezzo per te. Va bene, ognuno fa le sue considerazioni ma non ci si può lamentare troppo per quello. Ci ricordiamo dei primi Air?

      Attendiamo un taglio di prezzi piano piano e poi vedremo come diventeranno lo standard comune

  2. kiwi ha detto:

    Mah, il problema, oltre al prezzo, è un altro, il sistema costruttivo di queste “macchine”
    Nel 201617, non si può vincolare l’utente medio ad un pc con tutto saldato in piastra madre, SSD e Ram, vuol dire che è una roulette russa, ed obblighi l’utente che ha speso fior di euro, dopo due anni, se il pc si guasta, a sostituire completamente il pc, perché avrà costi di riparazione esorbitanti (vedi diplay retina da 13″ che costano 900€ come ricambio)

Lascia un commento