Motori

Mercedes Classe X: come ti miglioro la Nissan Navara

Mercedes con la presentazione della nuova Classe X a Cape Town, Sudafrica, entra ufficialmente nel mondo dei pick-up.

Per fare ciò, la casa tedesca ha sfruttato la collaborazione con il gruppo Renault-Nissan prendendo come base la Nissan Navara e migliorandola dal punto di vista estetico e tecnologico, in modo da rendere questo pick-up simile agli altri modelli Mercedes.

Il frontale infatti consta di gruppi ottici con design simile a quelli della Classe A, che si possono avere anche a led, mentre la mascherina è come quella utilizzata sulla Classe E All Terrain, con la grande Stella a tre punte in bella vista nel centro. Vista la natura del mezzo, la Classe X è dotata di protezioni in plastica sul fondale nella parte inferiore, in modo da proteggerla quando si guida in percorsi fuoristrada.

Anche gli interni sono premium visto il tipo di mezzo, infatti il volante è a tre razze con comandi multifunzione e con una grossa impugnatura, quasi sportiva. Non manca inoltre il display da 8 pollici ed il “mouse” con superficie touch per il controllo dell’infotainment e alcune impostazioni del pick-up vicino al cambio, che si può avere sia manuale a 6 marce che automatico a 7. A differenza delle auto Mercedes, sul cruscotto prevale la plastica e l’alluminio spazzolato, che dà un tocco di raffinatezza ma allo stesso tempo anche di robustezza, che non può mancare in un pick-up.

Inizialmente la Classe X sarà in vendita nelle motorizzazioni 220 d da 163cv e 250 d da 190cv mentre l’anno prossimo sarà disponibile anche un diesel a 6 cilindri. Mercedes ufficialmente ha comunicato che questo è il primo pick-up premium, ma non è del tutto esatto in quanto Volkswagen l’ha anticipata nel 2007 con l’Amarok, che è la sua diretta concorrente.

Al momento non ci sono informazioni riguardo una versione AMG di questo modello, ma non mi sento di escludere una versione 4.0 V8 da oltre 450 cavalli e con interni super lussuosi, che potrebbe far gola ai clienti negli Emirati Arabi.

 

Andrea Bellini

La tecnologia e le Quattro Ruote sono il mio pane quotidiano. Il cuore è contro i motori turbo e non c'è niente che mi rilassi di più di un V12 Lamborghini.