Sport

L’ipocrisia di Liberty Media nella gestione della F1

Liberty Media non sta portando giovamento alla F1 ed anzi per le sue decisioni in molti si stanno lamentando dell’operato.

É giusto di ieri la notizia della rimozione delle grid gilrs da parte di Liberty Media da tutti i circuiti della F1. Mai scelta fu più sbagliata (non per i motivi che pensate voi) tanto da scatenare l’ira dell’intero movimento.

Non ho mai amato Ecclestone sia chiaro, ma lo sto quasi rimpiangendo. Pur con le sue idee strane e particolari, l’ex proprietario del circus della F1 aveva una sua idea chiara che non puntava sulle cavolate. Di errori ne ha commessi indubbiamente, ma questo non gli ha impedito di far arrivare la F1 dove é oggi.

Liberty Media invece, da quando é arrivata, ha voluto impostare a tutti i costi il proprio stile. Non parlo certo di voler vedere a tutti i costi il più grande rispetto delle tradizioni delle corse, ma l’azienda ha stravolto tutto in negativo. Tante decisioni affrettate e confuse, poche idee chiare e che permettessero anche alle squadre di poter capire il filone giusto da seguire.

Purtroppo abbiamo a che fare con un gruppo americano. In tal senso, non voglio denigrare la loro nazionalità, ma lo show business viene prima di tutto. L’esempio piú lampante lo potremo avere con lo scorso GP del Texas, con quella roboante presentazione che fece felice solamente Lewis Hamilton.

Se il futuro é questo…

About the author

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato InstaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.