instaNews
instaNews > Editoriali > Una settimana con Iliad

Una settimana con Iliad

Una settimana con il nuovo operatore italiano, Iliad, che ha tanto fatto discutere in Rete.

Dopo tutti i disastri relativi alla pessima gestione delle spedizioni iniziali, con un conseguente ammissione di colpa da parte di Iliad, sono pronto a parlarvi di questa prima settimana di utilizzo concreto con questo operatore.

Premetto che il lancio per me è stato una cosa (pessima e mal gestita), mentre il reale servizio è un’altra. Da qui ho preferito valutare diversamente le due situazioni perché altrimenti la prova sarebbe stata falsata.

Ho effettuati i vari speedtest di turno per capire meglio se potessero esserci dei blocchi relativi alla connessione, ma nel mio caso non ho notato alcuna anomalia strana. Non credo più di tanto a questo genere di test, ma era doveroso farli anche per darvi delle prove tangibili. Devo dire che solamente un giorno mi sono ritrovato ad avere un risultato in upload e download che non corrispondeva ad un vero test in 4G ma più appartenente ad una connessione 3G spompata. Non di più davvero. Blocchi di connessione? Nessuno, neppure lì dove con Wind (viste le antenne) ad esempio avevo riscontrato problemi o caricamenti Web lenti se non inesistenti.

Parla di di ricezione invece ho notato come le cose siano evolute nel corso di nemmeno una settimana e da qui il mio grande stupore. Non appena mi arrivò la sim notai subito come lo smartphone facesse difficoltà a mantenere il segnale 4G andando spesso a preferire la connessione inferiore. Lo switch in casa era abbastanza costante, mentre all’aperto non avevo una copertura piena al 100% dell’indicatore. Dopo 4 giorni circa è invece arrivato un update delle impostazioni del gestore che ha cambiato non poco la situazione. Ora il 4G è a ricezione completa sia in casa che fuori e pochissime volte mi sono ritrovato ad essere in 3G, incredibile. Dico questo perché sinceramente non me lo aspettavo, anzi avevo delle aspettative decisamente più basse sono sincero.

Infine parliamo di cosa rimane: alcuni problemi. C’è la problematica relativa agli SMS non ricevuti da parte di alcuni istituti di credito, l’impossibilità di ricevere telefonate in entrata per alcune numerazioni, l’indirizzo IP non ancora per tutti italiano ma francese ecc ecc. In Rete ne ho lette parecchie ma, come spesso accade, è tutto molto soggettivo. Nel mio caso ho fatto parecchie telefonate (i minuti sono illimitati suvvia) ed ho iniziato ad inviare nuovamente i messaggi prima scomparsi dalla mia vita. Zero problemi. Stessa cosa posso dire per la mia app dedicata all’Internet Banking. Non sto dicendo che non siano problemi presenti sia chiaro, anzi devono essere risolti il prima possibile, ma ad oggi dopo la tanta sfiga mi sento fortunato da questo punto di vista. Certo manca un’applicazione per il controllo dei costi che spero arrivi il prima possibile sia su Android che iOS.

Tirando un paio di somme Iliad mi ha stupito. Al prezzo di vendita, sono onesto, non mi aspettavo questa qualità. Certo non stiamo parlando di Vodafone che a Torino rimane spanne al di sopra di tutti gli operatori, ma allo stesso tempo è un operatore talmente giovane ed economico che il beneficio del dubbio gli va concesso. Ho accettato questa sfida sin dall’inizio e la porterò avanti, chissà che poi un giorno non riesca a staccarmi ed ad utilizzare solamente l’operatore più giovane d’Italia.

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato instaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.