instaNews
instaNews > Tecnologia > Face ID vs Touch ID: per me non c’è storia

Face ID vs Touch ID: per me non c’è storia

Sto provando il nuovo iPhone XR con cui ho testato il nuovo Face ID e purtroppo…

Face ID su iPhone XR

Da venerdì scorso sto giocando con il nuovo iPhone XR che mi sta in parte sorprendendo ed in parte un po’ meno. Sicuramente il notch lo ho trovato sexy, ma non tutte le novità rispetto alla generazione precedente di iPhone mi ha convinto.

Il Face ID è sicuramente una delle grandi rivoluzioni di Apple introdotte nel 2017. Sbloccare lo smartphone tramite il proprio volto è sicuramente più futuristico, ma non sempre è stato comodo nel mio caso specifico. Partendo dall’uso in automobile, avendo uno stand orizzontale, per poter sbloccare iPhone XR dovevo io inclinare la testa o rimuovere il telefono dal supporto. Con il Touch ID invece bastava appoggiare il pollice ed il gioco era fatto. Stesso discorso nell’uso sulla scrivania dove, essendo lo smartphone appoggiato orizzontalmente sul tavolo, deve essere obbligatoriamente sollevato per essere sbloccato. A mio avviso poi il Touch ID è decisamente anche più rapido in fase di sblocco partendo proprio dalla lock screen dello smartphone. Con gli ultimi sensori di seconda generazione si erano raggiunte delle velocità ottime che, a conti fatti, sono state più efficienti nel poter risparmiare tempo.

Di contro, in favore della nuova tecnologia introdotta da Apple, posso dire che per pagare tramite Apple Pay il Face ID è molto più comodo ed intuitivo. Stesso discorso vale per la compilazione delle password in giro per la rete tramite la scorciatoia di 1Password. Due tap al volo e nessuno step aggiuntivo da fare da parte dell’utente. Qui ho sentito la vera spinta della novità tecnologica nonché la comodità.

A conti fatti sostengo però che il Touch ID per me sia ancora più funzionale. Praticamente mi è più comodo per l’uso che ne faccio io dello smartphone ad oggi pur sapendo che il futuro è orientato in un’altra direzione purtroppo.

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato instaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.