Covid, Belgio nel caos: chiamati al lavoro anche i medici positivi

0
119

Il Covid dilaga in Belgio: è il paese europeo più colpito dalla pandemia. Sono stati chiamati a lavorare persino i medici positivi

Covid, Belgio nel caos: chiamati al lavoro anche i medici positivi
Covid, Belgio nel caos: chiamati al lavoro anche i medici positivi

Il Belgio è nella morsa del Coronavirus. I casi di Covid aumentano a dismisura: è il paese europeo con il più alto numero di contagi in Europa. L’emergenza è tale che sono stati chiamati a lavorare anche i medici positivi, nonostante l’enorme rischio di contagiare i colleghi e ovviamente i malati per altre patologie. E’ accaduto a Liegi, dove l’esplosione dell’epidemia e la carenza di personale ha costretto le autorità sanitarie a chiamare anche i dottori contagiati. La notizia è stata diffusa dalla BBC, che ha parlato con il capo dell’associazione dei sindacati dei medici del Belgio, Philippe Devos.

Ti potrebbe interessare anche – Covid-19, il bollettino del 27 ottobre: 221 morti e 21.994 nuovi contagi

Belgio nella morsa del Covid: è il paese più contagiato d’Europa

Belgio nella morsa del Covid: è il paese più contagiato d'Europa
Belgio nella morsa del Covid: è il paese più contagiato d’Europa

Un quarto del personale medico è contagiato e la situazione è drammatica. Le autorità sanitarie sono consapevoli dei grossi rischi, ma il sistema sanitario belga (uno dei più efficienti in Europa) rischia il collasso. A Liegi l’indice di contagio è altissimo: una persona su tre risulta positiva al Covid. Anche il ministro della salute, Frank Vandenbroucke, ha avvertito la popolazione che la situazione è destinata a peggiorare, e che è difficile tenere sotto controllo il boom di contagi. Preoccupano soprattutto i posti letto di terapia intensiva, che stanno andando verso l’eusarimento. Intanto in Belgio proseguono le restrizioni: è vietata la vendita di alcolici dopo le 20, con chiusura di tutti i bar e ristoranti. Il coprifuoco scatta dalla mezzanotte fino alle 5 del mattino. Infine, il divieto di radunarsi con più di due persone per volta.

Leggi anche – Covid, Rocco Siffredi positivo. Esplode il focolaio tra i suoi contatti