Come preparare un créme caramel perfetto: tempi, cottura, segreti

Preparare un créme caramel perfetto? Non è difficile, a patto di rispettare alla lettera tempi, cottura, segreti di un dolce al cucchiaio favoloso

In mezzo ai dolci al cucchiaio, il budino è sempre uno dei più gettonati. Ma il créme caramel ha uno sprint in più e piace davvero a tutti, a patto di saperlo cucinare a regolare d’arte. Come preparare un perfetto créme caramel, della giusta consistenza e con un sapore spettacolare? Non è difficile, se sapete come fare.

(Pixabay)

Ci sono due fasi fondamentali, al di là della preparazione vera e propria, quella della cottura e quella del raffreddamento. Non è un problemi di ingredienti, quelli sono semplicissimi da trovare e da avere sotto mano in casa. Piuttosto è una questione di tempi: non dovete pensare di preparare questo dolce al cucchiaio quando avete fretta oppure facendo anche altro nel frattempo. Ha bisogno della giusta attenzione, quindi piuttosto preparatelo il giorno prima, tanto qualche ora in più nel frigorifero non gli farà male.

Quindi vediamo insieme quali sono i segreti per un perfetto créme caramel. Intanto la base di uova e zucchero non ha bisogno di essere montata e non necessita di aria per gonfiare, ma soltanto di essere mescolata. Allo steso modo abbiate cura degli ingredienti: serve la vaniglia, quella nel baccello, e non l’aroma che comprate nelle boccettine.

Capitolo cottura: non dovete avere fretta e non dovere superare la gradazione del forno prevista. Il créme caramel cuoce a bagnomaria, non ha bisogno di shock termici che lo rovinerebbero soltanto, Al massimo quindi 150°, ma sono meglio 140° e ricordatevi di controllarlo. Il tempo della cottura è indicativo, non tassativo.

Come capire quindi se il vostro dolce è cotto? Infilate leggermente la punta di un coltello nel créme caramel e se esce asciutta sarà pronta. Oppure, quando avrete un po’ più di occhio, controllate come appare la consistenza: se non è fermo, non è pronto.

Créme caramel, la vera ricetta passo dopo passo, dalla base alla cottura

(Pixabay)

E adesso passiamo alla ricetta vera e propria del créme caramel

Ingredienti:

500 ml di latte intero

3 uova + 2 tuorli

100 g di zucchero semolato

1 bacca di vaniglia

Per il caramello:

150 g di zucchero semolato

2 cucchiai di acqua

1 cucchiaino di succo di limone

In una casseruola versate il latte insieme alla bacca di vaniglia incisa nel senso della lunghezza per liberare i semini. Portate ad ebollizione e quando comincia, spegnete. Lascia la vaniglia in infusione altri 15 minuti lontano dal fuoco.

Intanto preparate il caramello. In un pentolino versate lo zucchero semolato, l’acqua e il succo di limone, già filtrato. Lasciate cuocere a fuoco medio, senza mescolare. Dovete solo muovere la pentola ogni tanto per ottenere un caramello color ambra. Quando è pronto, senza lasciarlo raffreddare, versatelo sul fondo degli stampini monoporzione oppure nello stampo più grande che avete scelto.

Preriscaldate il forno a 140° e poi in una ciotola lavorate le uova e i tuorli con una frusta. Inizialmente da soli, poi insieme allo zucchero semolato. Quindi versate il latte tiepido, filtrandolo con un colino, a filo sulle uova e mescolando di continuo.

Con un mestolo versate il composto nello stampo o negli stampini monoporzione. Poi mettetelo o metteteli all’interno di una teglia alta riempita d’acqua fredda, separando lo stampo dalla base della teglia con un panno.

Cuocete a bagnomaria in forno per circa 90-100 minuti. Poi estraete e sformate il créme caramel lasciandolo raffreddare all’interno della teglia fino a quando sarà a temperatura ambiente. Spostatelo frigorifero e mettete a riposare per almeno 3 ore prima di sformarlo e servirlo.