Covid-19, bollettino 5 gennaio 2021: i dati aggiornati sulla pandemia

0
125

Il bollettino del Ministero della Salute e della Protezione Civile anche oggi certifica tutti i casi di contagio da Covid in Italia

Come ogni giorno, puntuale arriva l’appuntamento di InstaNews con i dati ufficiali della pandemia di Coronavirus in Italia.

Attorno alle 17 la Protezione Civile rilascia i dati del bollettino legato ai numeri dei casi Covid-19. Ieri sono stati registrati 357 morti ma per il bollettino completo del 4 gennaio gennaio 2021 potete consultare qui.

Covid-19, bollettino di oggi 5 gennaio

In attesa che il governo decida quali provvedimenti adottare quando scadrà il Decreto Legge Natale, questi sono i dati essenziali del bollettino di oggi.

Totale casi: 15.378 contagiati

Morti: 649

Tamponi: 135.106

Dimessi/Guariti: 16.023 guariti

Ricoverati: +78 ricoveri

Terapie intensive: -10 terapie

Tasso di positività: 11,4% (-2,5%)

Ogni giorno su Instanews  il monitoraggio dei casi di Coronavirus sia a livello nazionale che regionale.

Covid-19, il bollettino di oggi regione per regione in Italia

Questi i dati specifici e i dati di ogni singola regione, con una fotografia complessiva e poi nel dettaglio quella dei singoli territori. Analizziamo l’aumento dei contagi rispetto al giorno precedente.

Lombardia: +1.338

Veneto: 3.151

Piemonte: +1.146

Campania: +688

Emilia Romagna: +1.506

Lazio: +1.719

Toscana: +337

Sicilia: +1.576

Puglia: +1.081

Liguria: +404

Friuli Venezia Giulia: +1.131

Marche: +458

Abruzzo: +213

Sardegna: +232

P.A. Bolzano: +148

Umbria: +234

Calabria: +177

P.A. Trento: +228

Basilicata: +51

Valle d’Aosta: +21

Molise: +14

Vaccini, ecco quando non possono essere somministrati
(Websource)

Sono quasi 180mila le persone vaccinate dal 27 dicembre: è questo il primo dato in base ai numeri forniti direttamente dal ministero della Salute. In tutto 178.939 alle 2.30 del 5 gennaio 2021, ultimo dato disponibile nel consueto aggiornamento quotidiano.

In particolare 108.132 dosi del vaccino Pfizer, unico disponibile ora in Italia somministrate a donne, e le altre 70.807 a uomini. Hanno ricevuto il vaccino 140.324 operatori sanitari e 8.968 unità di personale non sanitario oltre a 8.869 ospiti di Rsa. La fascia d’età con più più dosi è quella 50-59 anni (51.243 vaccinazioni), poi quella 40-49 (40.676) e  30-39 (31.585).

In testa alle vaccinazioni il Lazio con 29.002 (63,3% di quelli ricevuti), poi Veneto con 21.626 (55,6%), Sicilia 18.705 (40,2%). La Toscana ha già utilixzzato il 56% dei vaccini ricevuti, la Provincia Autonoma di Trento il 67,7%, la Campania il 48,2%, il Piemonte il 42,7% la Basilicata il 42,3%, il Friuli il 41,5% come l’Umbria. In fondo invece il Molise con 50 vaccinazioni pari all’1,7%, la Calabria con 701 vaccinazioni pari al 5,4% e la Sardegna con 965 (7,5%).