Vaccini: le regioni sono pronte ad un accordo con i medici di famiglia?

0
76

Accordo in vista fra le regioni ed i medici di famiglia per i vaccini? Spunta l’ipotesi di far intervenire anche i pediatri per uno sforzo collettivo.

Siamo in una fase molto delicata della distribuzione di vaccini e sin dal principio non sono mancate già le prime polemiche ed addirittura le prime indagini per accadimenti illegali ed inaccettabili, soprattutto visto il periodo.

Risulta quindi necessario intraprendere un grande sforzo collettivo per cercare di procedere spediti sulla strada delle vaccinazioni ed arrivare quindi al punto in cui finalmente si possa tornare alla tanto desiderata libertà.

Proprio in questo clima di necessità e di appelli le regioni italiane rappresentate dai propri governatori hanno avanzato una richiesta molto importante e che sicuramente potrebbe dare una svolta alla corsa alle vaccinazioni.

Vaccini: pronto un accordo fra regioni e medici di famiglia?

medici di famiglia
medici di famiglia e vaccinazioni from Pixabay

Che il Governo sia pronto ad una sinergia assieme alle regioni con il personale medico tutto ed avviare quindi una rete di vaccinazioni maggiore?

Le Regioni, sembra, abbiano manifestato già la propria disponibilità per una collaborazione affinché si possa “fare un accordo quadro con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per coinvolgerli in questo importante sforzo collettivo”.

Il tutto è stato raccontato dal Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, dopo aver incontrato anche i ministri Francesco Boccia e Roberto Speranza assieme anche al commissario Domenico Arcuri.

Significativo che i ministri Roberto Speranza ed anche Francesco Boccia assieme al Commissario Arcuri abbiano manifestato gratitudine per l’impegno delle Regioni e per la dedizione encomiabile del personale sanitario impegnato in questa primissima fase” aggiunge il Presidente della Conferenza delle Regioni, Bonaccini.

Non solo, si è ipotizzata anche la possibilità di coinvolgere il personale sanitario pediatrico per uno sforzo collettivo, senza eguali e che possa quindi garantire un rush più veloce per il raggiungimento dell’obiettivo vaccini.

Secondo quindi quanto riferito alle fonti ansa, ci sarebbe la possibilità della creazione di una rete di vaccinazioni più ampia. Il tutto coinvolgerebbe tantissime unità di personale in più. Per comprendere maggiormente quanto si andrà poi a verificare seguiranno aggiornamenti sulla vicenda.