Nuovo governo Draghi: tutti i nomi dei ministri, giuramento fissato

Nuovo governo Draghi: il presidente del Consiglio ha accettato l’incarico e comunicato la nuova lista dei ministri. Giuramento nelle prossime ore

Mario Draghi
websource

Mario Draghi ha sciolto le riserve e questa sera ha accettato di formare un nuovo governo. Sarà più politico di quanto potevamo attenderci anche se diversi ministeri chiave sono in mano ai tecnici. Ecco i nomi dei nuovi ministri.

Daniele Franco all’Economia

Marta Cartabia alla Giustizia

Luigi Di Maio agli Esteri

Luciana Lamorgese agli Interni

Marta Cartabia alla Giustizia

Daniele Franco all’Economia

Giancarlo Giorgetti allo Sivluppo economico

Stefano Patuanelli all’Agricoltura

Roberto Cingolani alla Transizione ecologica

Enrico Giovanni alle Infrastrutture

Vittorio Colao alla Transizione Digitale

Cristina Messa all’Università e Ricerca

Andrea Orlando al Lavoro

Patrizio Bianchi all’Istruzione

Dario Franceschini alla Cultura

Roberto Speranza alla Salute

Ministri senza portafoglio:

Federico D’Incà ai Rapporti con il Parlamento

Vittorio Colao all’Innovazione tecnologica

Renato Brunetta Pubblica amministrazione

Maria Stella Gelmini agli Affari regionali

Mara Carfagna al Sud e Coesione Territoriale

Elena Bonetti alle Pari opportunità e Famiglia

Erika Stefani alle Disabilità

Fabiana Dadone alle Politiche giovanili

Massimo Garavaglia al Turismo

Roberto Garofoli sottosegretario alla Presidenza del Consiglio

Nuovo governo Draghi: i prossimo passaggi prima di entrare in  carica

Mattarella e Draghi
websource

Leggendo la lista dei ministri che comporranno il nuovo governo Draghi emerge il lavoro di cesello fatto dall’ex presidente della BCE. Alcuni ministri sono stati confermato, come Roberto Speranza alla Salute e Luigi Di Maio agli Esteri. Altri come Elena Bonetti, che si era dimessa insieme a Teresa Bellanova dando il via alla crisi, e Stefano Patuanelli che cambiano dicastero. Ma ci sono anche diversi tecnici in tutti i ministeri che hanno un peso economico e strategico importante.

Il giuramento del nuovo governo è previsto domani, 13 febbraio, alle 12. Poi però ci sarà anche il necessario passaggio in parlamento per la fiducia da parte delle due Camere che dovrebbe avvenire martedì prossimo, 16 febbraio. Appare come una formalità e dal giorno successivo i ministri saranno effettivi e operativi.