Polveriera Napoli: per i tifosi l’unica soluzione è l’esonero di Gattuso

Napoli in crisi, l’allenatore Rino Gattuso è finito nel mirino dei tifosi, in pochi lo difendono: “Ogni volta una scusa diversa”

Polveriera Napoli: per i tifosi l'unica soluzione è l'esonero di Gattuso
Polveriera Napoli: per i tifosi l’unica soluzione è l’esonero di Gattuso (websource)

Stavolta il fortino di Gattuso non regge neanche sui social. I tifosi del Napoli si scagliano quasi del tutto compatti contro l’allenatore del Napoli. Troppo deludente il gioco, difficile difendere una squadra che, oltre alla gioia per la vittoria contro la Juventus, sta facendo vedere poche cose buone, e nemmeno decenti: a dirla tutta. Contro il Granada il primo tiro in porta dopo 86 minuti ha scatenato l’ira dei supporters, e la sonora sconfitta in casa dell’Atalanta ha peggiorato le cose. Il giorno dopo i social sono quasi un monologo contro Rino Gattuso. Come Americano, ad esempio: “Squadra lunghissima, distanza tra i reparti. Dispendio di energie, un solo tiro in porta e Osimhen che mi snerva, salvate il soldato Napoli”.

Non vede l’ora di cambiare allenatore Luca Balex: “Auguro a Gattuso un futuro radioso, ma ad oggi non è ancora pronto, deve farsi le ossa e il Napoli non è il posto giusto”. È soprattutto la valutazione della qualità della rosa che divide i tifosi. Antonio: “Giustamente l’Inter il Milan Lazio Atalanta e Roma hanno fior fior di campioni…. Esclusa la Juve, che comunque in organico ha tanti campioni ma anche giocatori presi da piccoli club, il resto è tutto uguale. La differenza la fanno gli allenatori”. Poi Prof: “Veramente pensate che Maksimovic, Mario Rui, Hisay, Elmas, Lobokta, Rhamami e Di Lorenzo Politano siamo calciatori di una squadra di vertice? vanno bene nel Torino, nel Cagliari Se accettiamo che nella ricostruzione la società ha sbagliato allora capiremo che i 40 punti sono un miracolo”.

Il Napoli perde ancora, i tifosi vogliono la “testa” di Gattuso

Anche se raro, c’è chi mostra un minimo di solidarietà con l’allenatore, ad esempio Millan: “L’ho detto a gennaio e lo ripeto adesso: a Gattuso va rinnovato il contratto perché non si può salire sul carro solo quando le cose andavano bene. Quando ti mancano i giocatori importanti e le alternative mancano o sono scarse, non si possono fare miracoli”. Dalla qualità della rosa all’unità nello spogliatoio. C’è chi si mostra preoccupato e mette in dubbio anche quella. Ma le critiche non vengono risparmiate nemmeno al direttore sportivo Cristiano Giuntoli. Vedi, ad esempio, Antonio Rea: “Formalmente i giocatori sono con Gattuso ma io non ci credo”. Vincenzo: “Molti infortuni dovuti forse a poco turn over e alla preparazione atletica. Quindi, quelli che stanno in campo non stanno bene, ma solo meno peggio, vedi Petagna. Se non si può correre qualsiasi gioco risulta inapplicabile”.

La schiera di chi chiede l’esonero dell’allenatore è decisamente nutrita, come ad esempio Giuseppe Di Gennaro: “Andava ringraziato e  accompagnato all’uscita a giugno dell’anno scorso, dopo la finale di coppa Italia”. Poi Federmar: “Si sta facendo passare per scelta di#Gattuso il mancato rinnovo… il nuovo Guardiola …mah…”. Vito Annarumma: “Io credo che a termine di questo faticoso campionato per il Napoli ci sia un ripulisti generale. Spero che De Laurentiis si è reso conto di fare una rifondazione e prendere calciatori forti e cazzuti”. Vincenzo è arrabbiato: “Troppe partite?e i restanti club come fanno? La Rosa non è adeguata? E chi ha ridotto La Rosa così, con gente a fine contratto e con giocatori inutili? Per 8 anni ha vissuto con La Rosa di Benitez, poi ha voluto fare lui il ds, li abbiamo visto i suoi colpi”.