Torino, esplode il focolaio Covid. Match col Sassuolo a rischio

Il Torino ha dovuto sospendere gli allenamenti e attende il risultato dei tamponi per vedere se potrà scendere in campo venerdì

Allenamenti Torino
foto Torinofc.it

Il Torino ancora alle prese con il Covid. La squadra granata quest’anno ha dovuto spesso fare i conti con i contagi, sia con i propri che con quelli altrui. Basti pensare a tutto il caos creatosi dopo il match Torino-Lazio, con la società biancoceleste che è stata deferita ed è in attesa di una sentenza definitiva.

Venerdì scorso c’era stato un nuovo allarme coronavirus, con tre giocatori che sono risultati positivi al tampone. Nonostante questo i granata hanno affrontato il Cagliari portandosi a casa tre punti importanti per la salvezza. Purtroppo però la situazione sembra essersi dilatata nei giorni successivi ed oggi la ASL ha chiesto alla società di interrompere gli allenamenti. Questo il comunicato rilasciato dal club torinese:

“In relazione alla situazione contingente, relativa a ulteriori casi di positività al Covid 19, non ancora stabilizzata e in evoluzione, su indicazione dell’Autorità sanitaria locale competente il Torino Football Club comunica che l’allenamento odierno è sospeso in attesa di ulteriori controlli”.

Tra i positivi, secondo quanto riportato dall’Ansa, potrebbe esserci anche Andrea Belotti. Si attendono dunque i risultati dei tamponi in serata. Se ci saranno ulteriori contagi è possibile anche che il match contro il Sassuolo, previsto per venerdì 26 febbraio alle ore 20.45, venga rinviato.

Torino, oltre al Covid maxi squalifica per Karamoko

Karamoko
web source

Oltre alla “questione positivi”, il Torino ha subito anche un’altra pesante sanzione. In questo caso si parla di un giocatore della squadra primavera, il giovane Karamoko. Il centrocampista granata, infatti, è stato squalificato fino al 30 aprile 2021 per comportamento scorretto.

I fatti risalgono al match di sabato scorso contro la Fiorentina: Karamoko è stato espulso per aver colpito con un calcio un suo avversario e rientrando negli spogliatoi ha avuto una lite con altri tesserati viola (probabilmente a causa di un insulto razzista). Durante questa rissa il centrocampista ha sputato e colpito con pugni e calci un giocatore avversario.