Sanremo 2021, Wrongonyou e le canzoni di Jovanotti e Elisa: conosciamolo insieme

Wrongonyou a Sanremo con le “vertigini” di Jovanotti e la luce di Elisa. Sulle orme di Britti con la chitarra, il vocoder e il bassotto Gino

Sanremo 2021, Wrongonyou canterà la canzone di Jovanotti: conosciamolo insieme
Sanremo 2021, Wrongonyou canterà la canzone di Jovanotti: conosciamolo insieme (websource)

Sanremo 2021 è alle porte: la kermesse comincerà martedì 2 marzo su Rai 1 in prima serata. E come sempre, tra gli artisti in gara c’è qualche nome meno noto che vale la pena di conoscere. Uno dei protagonisti è Wrongonyou, il “Bon Iver” italiano, che sarà in gara tra i giovani di questa edizione 2021. Porterà la canzone “Lezioni di volo”, che anticipa il suo album “Sono io”, in uscita il 12 marzo: subito dopo la fine del Festival.

Tutto pronto, quindi, per tentare il lancio di questo giovane artista, che un anno e mezzo fa ha pubblicato il suo disco “Milano parla piano”. Il suo primo lavoro totalmente in italiano. Wrongonyou lancerà un’altra canzone prima dell’inizio del Festival: è la cover di “Luce” di Elisa. Poi, sul palco dell’Ariston, proverà a seguire le orme di Alex Britti e Mahmood.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: “Sanremo Giovani 2021, Greta Zuccoli: età, altezza, carriera e Maradona”

Wrongonyou a Sanremo, categoria “Giovani”: la sua storia e cosa canterà

Cantanti che si sono affermati partendo proprio dalla selezione “Giovani” del Festival e hanno ottenuto un rapido e duraturo successo. La sua chitarra, il suo cagnolino, il bassotto Gino, e il vocoder sono i suoi “amici” per la pelle. Ma importante è anche il rapporto con Jovanotti: una canzone scritta da lui, “Vertigini”, è presente nel disco in uscita, ma la collaborazione con Lorenzo Cherubini ha inciso anche su Sanremo e va al di là di una singola canzone.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ₩ Wrongonyou ₩ (@wrongonyou)

Il vero nome di Wrongonyou è Marco Zitelli: partecipa tra i giovani, ma intanto ha già suonato in importanti festival internazionali, dove si è proposto in naturalezza cantando in un fluente inglese. L’aereo di carta è il suo simbolo, e la “ripartenza” dalle cosiddette “nuove proposte” per lui non rappresenta un problema. Amadeus, direttore artistico, ha fortemente voluto la sua partecipazione e si aspettano riscontri interessanti sin dalla prima esibizione del giovane artista. Un talento sicuramente da tenere d’occhio in ottica vincitori della sezione “Giovani”.