Corona: “Qualcuno capirà”. Il messaggio social di Pasqua fa tremare i polsi

Inquietante post comparso sul profilo Instagram di Fabrizio Corona: “Se sei convinto di aver subito una grave ingiustizia lotta pronto anche a sacrificare la tua vita”. Il messaggio apparso nel giorno di Pasqua

Corona: “Qualcuno capirà”. Il messaggio social di Pasqua fa tremare i polsi
Corona: “Qualcuno capirà”. Il messaggio social di Pasqua fa tremare i polsi (websource)

Un preoccupante post è apparso sul profilo Instagram di Fabrizio Corona. L’inquietante messaggio è stato pubblicato nel giorno di Pasqua: “Se sei convinto di aver subito una grave ingiustizia lotta pronto anche a sacrificare la tua vita”, ha scritto l’ex paparazzo. Un messaggio molto poco rassicurante, viste le condizioni complicate con cui Corona sta facendo i conti da qualche settimana.

Attualmente si trova nel carcere di Monza, nel quale ha sospeso lo sciopero della fame. Corona protestava contro la revoca degli arresti domiciliari da parte del tribunale di Sorveglianza. Nel messaggio anche un’inquietante frase: “Servirà per qualcuno. Servirà, e qualcuno capirà”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal)

Fabrizio Corona, messaggio preoccupante su Instagram: “Capirete”

Queste frasi sibillini rimandano alle azioni autolesionistiche che Corona ha fatto, provocandosi ferite al volto e alle braccia e ritraendosi sanguinante per protesta. Dopo il ricovero nel reparto di psichiatria dell’ospedale Niguarda, l’ex fotografo è tornato nella sua cella. Deve scontare altri tre anni di carcere. Le sue condizioni si salute, fisiche e mentali, preoccupano parenti, amici e anche il suo avvocato.

Corona avrebbe interrotto lo sciopero della fame solo grazie all’intervento del suo avvocato, che lo ha convinto a riprendere la battaglia giudiziaria. Il caso Corona apre una finestra sul sistema carcerario in Lombardia. Inoltre, la deputata Emanuela Corda, ha presentato un’interrogazione parlamentare. Per il caso Corona, infatti, si parla di un vero e proprio accanimento giudiziario.