WhatsApp pink, la truffa del momento nasconde un virus. Ecco come evitarlo

Ultimamente va di moda la truffa di WhatsApp pink. In realtà è un virus. Come bisogna comportarsi se si è caduti in questa trappola? Ecco come

Il mondo del web è sempre stato pieno di trappole. Il timore di incappare in un virus è uno dei principali problemi di chi naviga in internet. Il pericolo è sempre dietro l’angolo, nelle forme e nei modi più inaspettati. Negli ultimi anni abbiamo letto di tantissime truffe, solitamente messe in atto per rubare dati personali ai vari utenti, ignari di ciò che sarebbe successo.

Whatsapp pink
web source

L’ultima truffa che sta facendo strada nel web è quella di WhatsApp pink. Si tratta di un virus che riesce a rubare dati sensibili degli utenti. E non solo! Può accedere alle foto in galleria, ai numeri dei nostri contatti in rubrica e, in alcuni casi, anche alle password segrete. In questo caso bisogna assolutamente bloccare ogni tipo di accesso, per evitare problemi.

Ma come funziona WhatsApp pink? E come bisogna fare per evitare problemi? Ecco nel dettaglio di cosa si tratta e tutte le precauzioni da prendere quando navighiamo in internet.

Leggi ancheArriva la carta di credito del futuro: cashback in bitcoin

WhatsApp pink, come funziona la truffa

Recentemente, molti utenti esperti, hanno segnalato un nuovo virus che si sta diffondendo a macchia d’olio. No, tranquilli, non si tratta di una nuova pandemia ma soltanto di un virus cibernetico, che comunque può causare effetti gravi. Si chiama WhatsApp pink ed è un “cavallo di troia”, cioè un virus che viene immesso nel nostro dispositivo e riesce a rubare i nostri dati personali.

Foto, contatti, password. Nulla sarebbe al sicuro nel momento in cui dovessimo incappare in questo virus. Questa truffa informatica si nasconde dietro la versione rosa della celebre chat di messaggistica, storicamente in verde. Ovviamente questa versione non esiste. Si tratta di un vero e proprio imbroglio. Ecco come funziona e cosa dobbiamo fare per evitare di farci imbrogliare.

Truffa
web source

Tutto inizia con un messaggio che invita gli utenti a scaricare, attraverso un link, la nuova versione di WhatsApp. Quella, appunto, con l’interfaccia rosa. Una volta installato il file sul nostro smartphone, l’app svanisce ma rimane lo stesso attiva. È proprio in quel momento che il trojan inizia a derubarci di tutti i dati contenuti all’interno della memoria del nostro telefono.

Il malware, una volta terminata la razzia, si introduce nella rubrica e invia un messaggio a tutti i contatti, chiedendo di scaricare l’applicazione. In questo modo la trappola cibernetica si sta diffondendo tra molti utenti di WhatsApp. Le segnalazioni sono veramente tante, anche in Italia. Per questo motivo è necessario fare molta attenzione a tutto ciò che scarichiamo sul nostro smartphone.

Ti potrebbe interessare ancheSms, occhio alla truffa: se ricevete questo messaggio eliminatelo subito

Come fare per evitare la trappola

Ma come fare ad evitare di incappare in questa trappola? Come facciamo a capire se un link va cliccato o no? Il primo consiglio che possiamo darvi è quello più banale: cancellare immediatamente il messaggio con il link di WhatsApp pink. Non esiste nessuna interfaccia rosa di questa chat e, per questo, si tratta di una truffa. Se invece l’avete già scaricata, niente paura. Ecco come muoversi.

WhatsApp rosa
web source

Innanzitutto, disinstallate il prima possibile l’applicazione con la versione rosa di WhatsApp. Per farlo, dalle impostazioni, bisogna accedere all’elenco delle applicazioni, filtrare per data di installazione e procedere alla cancellazione. Poi bisogna chiudere immediatamente tutte le sessioni attive della versione web di WhatsApp accessibile dalle impostazioni dell’app ufficiale. Infine, sarebbe più sicuro cancellare la memoria del browser, per evitare di lasciare traccia del malware nel nostro dispositivo.

Gli utenti che ci sono cascati sono tanti, per questo motivo bisogna prestare molta attenzione a tutto ciò che scarichiamo nella memoria del nostro smartphone. Se può esserti utile, sappi che difficilmente un aggiornamento di un’applicazione presenterà una nuova versione proposta in questo modo. E difficilmente ti sarà chiesto di cliccare su un link o di accedere alla nuova versione attraverso un’altra pagina web.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da WhatsApp (@whatsapp)