Pomeriggio 5, Barbara d’Urso sul caso Fedez: “Rischi che io dica ciò che penso”

A Pomeriggio 5, la conduttrice Barbara d’Urso esprime il suo pensiero sul caso Fedez al Concertone del Primo Maggio e non la manda a dire alla Rai

Barbara d'Urso e Fedez
(fonte: web source)

Nella puntata di ieri a Pomeriggio 5, Barbara d’Urso ha affrontato il caso Fedez in merito al Concertone tenutosi il Primo Maggio. Il rapper milanese ha infatti parlato della legge DDL Zan e dello suo scontro con la Lega e soprattutto con i leader della Rai durante l’apertura del Concertone del Primo Maggio tenutosi a Roma. Scopriamo insieme cosa Barbara D’Urso ne pensa sinceramente

Barbara d’Urso sul caso Fedez afferma: “Da me non succede”

Per la festa dei Lavoratori, quasi ogni anno, si tiene il Concertone del Primo Maggio. Fedez era uno degli ospiti della serata e ha voluto rendere pubblico lo scontro che lui ha avuto contro la Lega e la Rai. Il rapper ha fatto nomi e cognomi di politici e non che hanno scritto affermazioni pesanti in merito alla legge DDL Zan contro l’omotransofobia e gli omosessuali.

Inoltre, dopo lo spettacolo, Fedez ha anche pubblicato la registrazione della videochiamata avuta con i capi della Rai che invitavano il rapper a non parlare della legge e dei politici definendolo “non idoneo al contesto“. Barbara d’Urso, nella sua carriera, è sempre stata una grande sostenitrici per i diritti degli omosessuali e anche ieri a Pomeriggio 5 è rimasta coerente con il suo pensiero.

La conduttrice difende Fedez e trova oltraggioso che la Rai si sia comportata in questo modo con lui. Afferma anche che da lei non succede che si censuri qualcuno prima della registrazione della trasmissione. In studio, l’ospite e giornalista Patrizia Groppelli rivela che in alcune trasmissione sia invece normale chiedere quello che l’invitato rivelerà durante la registrazione.

Barbara subito ripete “No, da me non credo proprio venga mai chiesto o detto di fare alcunché all’ospite” e gli opinionisti in studio confermano seccamente. Secondo la d’Urso è il rischio del mestiere: invitando un ospite in studio devi anche prenderti la responsabilità di quello che potrà dire o fare, ma senza censurare.

La conduttrice vuole che lei sia libera di andare in ogni trasmissione e poter dire quello che pensa. Pretende queste anche nello suo studio di Pomeriggio 5. “Fedez aveva tutto il diritto di dire ciò che alla fine ha detto” afferma Barbara. Infine la d’Urso conclude: “Se tu mi inviti, rischi ovviamente che io dica ciò che penso“.

Il caso Fedez ha aperto tante dinamiche intorno a lui e ha anche dato la motivazione giusta per uscire allo scoperto e dire la propria. Barbara d’Urso, come tanti altri volti della televisione, ha detto la sua. Speriamo allora che la legge DDL Zan venga accettata e che ciò non sia solo un fuoco di paglia.