Strage Funivia, follia social: i francesi esultano per la morte dei 14 italiani

La strage della Funivia Stresa Mottarone, gli insulti dei francesi dopo il caso-Maneskin: “Dio è felice quando muoiono gli italiani”

Strage Funivia, follia social: i francesi esultano per la morte dei 14 italiani
Strage Funivia, follia social: i francesi esultano per la morte dei 14 italiani (websource)

La stupidità dei social può raggiungere vette inaspettate. E’ spropositata quella che emerge da alcuni social con utenti francesi, in cui – come riportano “Il Giornale” e “Libero” – alcuni folli utenti hanno inneggiato alla strage della funivia di Stresa, collegando la tragedia all’episodio dei Maneskin all’Eurovision e le false accuse sulla cocaina. Una vera e propria follia, difficile anche da commentare, che i due quotidiani riportano documentando alcuni dei gravissimi messaggi apparsi ieri, domenica 23 maggio, su alcuni social network.

Utenti francesi, alcuni con nome, cognome e foto ben visibile, hanno ironizzato sulla strage della funivia, che ha causato 14 morti. Messaggi inneggianti alla strage, feroci e assurdi. Addirittura si parla di “provvidenza divina” e di “dio felice quando muoiono gli italiani”. Ancora più imbarazzante il fatto che la tragedia in Piemonte sia collegata al caso dei Maneskin all’Eurovision.

Cabina funivia
web source

Leggi anche – Crollo della funivia di Stresa: sale il numero delle vittime

Follia social in Francia: si inneggia ai morti della funivia. I messaggi carichi di odio

Sembra assurdo, eppure qualcuno è arrivato a tanto. I francesi sono arrivati secondi nella manifestazione canora, e hanno provato a scatenare una polemica contro il gruppo italiano a causa di un fotogramma di un video. Si vedeva il cantante dei Maneskin, Damiano, chinarsi sul tavolino. Un gesto simile a quello di chi “tira” cocaina. Da qui l’improbabile accusa di assunzione di droga durante la diretta, davanti alle telecamere.

Maneskin
(fonte: web source)

Tutto è rientrato dopo le smentite della produzione e del gruppo, con Damiano che si sottoporrà volontariamente a un test per dimostrare che non ha assunto droghe. Qualche folle ha pensato di collegare i due episodi e gridare a una sorta di “vendetta” riferendosi alla morte di 14 persone. Davvero assurdo. La speranza è che la polizia postale francese e italiana possa attivarsi al più presto per individuare e colpire i responsabili di tali follie.