Covid, individuata in Vietnam una nuova pericolosa variante

Individuata una nuova pericolosa variante del Covid -19, che continua a mutare. È stata rilevata una nuova variante in Vietnam, Bassetti: “Non è la prima e non sarà l’ultima”

Covid, individuata in Vietnam una nuova pericolosa variante
Covid, individuata in Vietnam una nuova pericolosa variante (websource)

Mentre il Covid sembra allentare la sua presa con l’arrivo dell’estate, resta vivo l’allarme per le pericolose varianti. In vista dell’autunno, la possibilità che virus mutati possano scatenare nuove ondate preoccupa tutti. Qualche avvisaglia già arriva, visto che in Vietnam, secondo le notizie che arrivano dal paese asiatico, è spuntata una nuova variante del Sars-Cov-2, alla quale non è stato dato ancora un nome.

Dovrebbe essere una combinazione tra quella inglese e quella indiana: indubbiamente pericolosa. L’annuncio è arrivato dal ministro della Salute del Vietnam, Nguyen Than Long, che ha spiegato come la nuova combinazione di virus ha elementi che potrebbero derivare dalla cosiddetta “variante inglese”. Si tratta di una mutazione del Covid-19 altamente contagiosa, forse fino al 50% di quella normale. E’ ovvio che la sua diffusione potrebbe causare un elevato numero di contagi.

Terza ondata Covid: quando arriverà e quanto durerà
Il professor Bassetti

Leggi anche – Tracciamento Covid? Ci pensa Google Maps. Come attivare la funzione

Covid, la nuova variante dal Vietnam preoccupa

A commentare la notizia è stato Todd Pollack, esperto di virologia alla Medical School di Harvard, che ha Washington Post ha spiegato che il fatto che ci sia un’altra mutazione non vuol dire che il virus sia diventato più “cattivo”. Secondo l’esperto le mutazioni sono normali e avvengono di continuo, e la maggior parte di esse sono innocue. Spesso ogni nuova variante riunisce le caratteristiche di altre due, ma questo non vuol dire che stia nascendo un “super virus” imbattibile. In ogni caso il Vietnam, come annunciato dal primo ministro Pham Minh Chinh, ha dato inizio a una campagna di test di massa, che riguarderà tutta la popolazione di Ho Chi Minh.

Si tratta di 13 milioni di abitanti complessivi, per i quali è stato già predisposto l’isolamento. E sul tema ha fatto il suo commento anche Matteo Bassetti, Direttore Clinica Malattie Infettive Policlinico San Martino di Genova, che ha spiegato come bisogna abituarsi alle varianti. “Non sarà né la prima, né l’ultima”, ha detto. I vaccini funzionano e dovrebbero essere efficaci anche contro le varianti. Ha spiegato che per contrastare le varianti bisogna andare avanti normalmente come con il virus normale. Nient’altro che tenere alta la guardia allora, visto che la lotta al Covid non è certo finita.