Giovanni Ciacci: età, altezza, carriera, vita privata e curiosità

Chi è Giovanni ciacci? Età, altezza, carriera, vita privata, curiosità, sieropositività e tutto quello che c’è da sapere su di lui.

Curatore d’immagine, costumista e stylist famoso. Tutto questo è Giovanni Ciacci, volto noto del mondo dello spettacolo, famoso anche per aver curato otto edizioni del Festival di Sanremo. Concorrente anche di Ballando con le stelle, ha lavorato in altri programmi come Detto fatto, ma chi è davvero Giovanni Ciacci?

giovanni ciacci
Fonte https://www.instagram.com/giovanniciacci/
  • Nome: Giovanni Ciacci
  • Data di nascita: 11 Marzo 1971
  • Età: 51 anni
  • Segno Zodiacale: Pesci
  • Luogo di nascita: Siena
  • Professione: Stylist
  • Altezza: 190 cm
  • Peso: 85 kg
  • Tatuaggi: nessun tatuaggio
  • Profilo Instagram Ufficiale: @giovanniciacci

Giovanni Ciacci: età e carriera

Giovanni Ciacci è nato nei 1970 a Siena. Sin da piccolo dimostra di avere una grande passione per la moda e la bellezza. Passione che trasforma in un lavoro diventando il curatore d’immagine di tanti vip.

Della sua famiglia non si sa molto mentre della sua vita sentimentale si sa che ha avuto una relazione con una persona che era già impegnata. Oltre ad essere stato concorrente di Ballando con le stelle, ha lavorato a Detto fatto; è stato anche opinionista di Pomeriggio 5e da settembre 2019 è un concorrente ufficiale del Grande Fratello Vip 7.

Vita privata e sieropositività

Uno dei suoi ultimi amori è stato un uomo di nome Damiano. Dopo la fine della relazione, nel 2019, ha dichiarato: “Damiano non è più il mio fidanzato. Pensavo fosse amore, invece era un calesse, succede nella vita. Avevamo stili e modi di vita completamente diversi. Supererò anche questa”.

giovanni ciacci
Fonte https://www.instagram.com/giovanniciacci/

Ciacci ha annunciato di essere sieropositivo prima dell’ingresso nella casa del Grande Fratello Vip 7.

“Sono sieropositivo e mi piacerebbe parlarne. Mi hanno raccontato che una mia famosa collega è andata da un direttore di rete della sua azienda a dirgli di non farmi lavorare ero malato. Lì per lì mi sono sentito tradito, umiliato, poi mi sono detto ‘Sai che c’è? Ti mostrerò che posso lavorare a faccia scoperta e coglierò l’occasione di poter raggiungere tante persone che mi seguono in tv per raccontare cos significa oggi essere sieropositivo”, ha dichiarato in un’intervista rilasciata ai microfoni del settimanale Chi prima di varcare la famosa porta rossa della casa di Cinecittà.