instaNews

iPad Pro: disponibile l’iPad più grande di sempre

ipad-pro-smart-keyboard-201509
Apple iPad Pro

Dopo la presentazione avvenuta nell’ultimo evento di Apple, molta dell’attenzione degli utenti era rivolta al nuovo iPad Pro, un prodotto in parte nuovo per Apple che andava per la prima volta ad inseguire un’azienda in un settore in cui non era stata pioniere, Microsoft con il suo Surface.

In fase di presentazione il prodotto ha catturato particolarmente la mia attenzione e con le novità introdotte su iOS 9 specifiche per iPad lo ho trovato da subito interessante.

Andando però a vedere il prezzo del dispositivo – da 919 a 1249 euro – sono rimasto più che perplesso sul reale collocamento di questo prodotto. Si è vero che Apple da sempre ci fa pagare i suoi prodotti con prezzi molto salati, ma è anche vero che i 900 euro di partenza circa sono assolutamente non alla portata di tutti, specie per un prodotto che non è un computer.

Molto spesso la maggior parte degli utenti associa il concetto di iPad a quello di computer, anche se nella sostanza i due prodotti possono considerarsi quasi agli opposti. L’iPad ha preso piede nelle case degli utenti per la sua semplicità e rapidità d’uso, cosa che Google ad oggi ancora non ha capito, e proprio per questo motivo non riesco a collocarlo in un contesto ben chiaro.

Pro è la dicitura che Apple gli ha affidato, ma realmente questo dispositivo si presta ad un pubblico professionista? Con i costi proibitivi che ha, nella configurazione completa da PC, ci si può portare a casa un MacBook Air che è in ogni suo aspetto un computer che non si spaccia per tale. iOS infatti, per quanto bello e curato, non è un sistema desktop e se anche lo volesse fare non ha le potenzialità e gli strumenti necessari per competere anche solamente con lo stesso Mac OS X poichè troppo limitato. Ragion per cui, a chi è realmente indirizzato questo prodotto ?

Nel frattempo che cerchiamo di capire, il prodotto arriva nei vari Apple Store.

Claudio Stoduto

Amo la tecnologia e lo sport. Scrivo ed ho fondato InstaNews dopo una serie di esperimenti personali e di esperienze in blog del settore.