instaNews
instaNews > Sport > La rivoluzione della Formula 1 2018

La rivoluzione della Formula 1 2018

Nel corso della prima sessione di prove libere ci sono stati diversi annunci interessanti per quanto riguarda il mercato piloti e motori di Formula 1.

Quello di ieri è stato un venerdì di campionato più scoppiettante del solito per via degli annunci fatti durante la sessione delle prime prove libere di Formula 1 a Singapore.

Ecco quali sono stati gli annunci della giornata:

Addio McLaren Honda

Dopo tre anni disastrosi a gareggiare con power unit di Honda, è finalmente arrivato il divorzio con McLaren. Questo annuncio è praticamente una conferma sul rinnovo di Fernando Alonso, che si diceva avrebbe mollato la scuderia di Woking se questa avesse continuato a montare motori Honda in futuro.

La prima volta di McLaren Renault

Successivamente all’annuncio del divorzio con Honda, è arrivato quello che conferma che a fornire i motori a McLaren nei prossimi anni sarà Renault. Questo accordo è molto importante, prima di tutto perché ha una durata triennale (2018, 2019, 2020) ma anche perché è la prima volta da sempre che le due Case hanno deciso di collaborare. I motori Renault dell’era dell’ibrido non sono stati fino ad ora sinonimo di grande potenza e affidabilità, ma restano comunque migliori di quelli Honda. McLaren può puntare davvero in alto in classifica il prossimo visti i risultati di RedBull e Renault (volevo dire Nico Hulkenberg…)

Sainz va in Renault, ma chi in Toro Rosso?

Carlos Sainz, dopo aver detto pubblicamente di essere stanco di correre in Toro Rosso dopo soli tre anni e dopo essere stato completamente finanziato da RedBull durante la sua carriera dal 2010, ha deciso di cambiare team e di correre in Renault. Questo passaggio porta Renault a lasciare a piedi Jolyon Palmer, che non ha mai segnato grandi risultati al contrario del suo compagno di squadra Hulkenberg. Il posto libero in Toro Rosso invece con molta probabilità andrà a Pierre Gasly, terzo pilota RedBull dal 2015, vincitore del campionato GP2 lo scorso anno con il Team Prema e attualmente secondo nel campionato Super Formula con il Team Mugen (casualmente motorizzato Honda?)

Nico Rosberg manager di Kubica

L’annuncio inaspettato però arriva da Nico Rosberg, che con un tweet comunica di essere diventato manager di Robert Kubica con lo scopo di aiutarlo per farlo ritornare in Formula 1. Negli ultimi mesi girava voce del ritorno del polacco in Renault al posto di Palmer, in particolare dopo aver svolto due test privati ed il test in Ungheria. Dopo l’annuncio di Sainz in Renault, ora sembra che l’unica possibilità per il 2018 sia quella di correre in Williams al posto di Felipe Massa.

Andrea Bellini

La tecnologia e le Quattro Ruote sono il mio pane quotidiano. Il cuore è contro i motori turbo e non c'è niente che mi rilassi di più di un V12 Lamborghini.