Signal, alternativa Open Source a Whatsapp

Signal è l’app di messaggistica istantanea scelta dalla Commissione Europea per sostituire la controparte di Facebook

E’ ormai risaputo che da un (bel) po’  Whatsapp è un’app superata, sotto molti punti di vista, in particolare se si parla di sicurezza/privacy e funzionalità.

Il fatto che la Commissione Europea abbia raccomandato l’abbandono di Whatsapp ai suoi dipendenti fa indubbiamente riflettere, soprattutto sulla sicurezza (argomentazione tutt’altro che nuova quando si parla di Facebook).  [FONTE: politco.eu]

Signal, a differenza di Whatsapp, è open source e il suo punto forte è la crittografia.
Il protocollo di sicurezza in questione si chiama Signal Protocol (successore del conosciuto TextSecure Protocol).

SMP (così come TextSecure) fornice una crittografia end-to-end, ovvero solo le persone che stanno comunicando sono a conoscenza del contenuto dei messaggio, al contrario, tutte le terze parti (compresi gli ISP) non hanno accesso alla chiave di cifratura.

Ma lasciando da parte i tecnicismi, Signal Protocol prevede delle misure di sicurezza non tanto scontate per una app di messaggistica istantanea:

  • in fase di registrazione viene chiesto di inserire obbligatoriamente un PIN e successivamente, per ogni chat (privata e gruppo) si potrà verificare il codice di sicurezza;

  • altra funzionalità che mi ha particolarmente stupito è la possibilità di decidere ogni quanto ripulire la chat, questa funzionalità in particolare si chiama messaggistica a scomparsa.

Dato che quello creato è un vero e proprio un account con un PIN, per uscire definitivamente dall’applicazione non basta disistallarla ma bisogna cancellare l’account.

Per tutto il resto, Signal è identica sia Whatsapp che a Messenger, è infatti possibile inserire una reazione ad un messaggio come Facebook.


Insomma, ora come ora anche io mi sento di consigliare Signal in ambito lavorativo perché è quella situazione in cui possono circolare documenti importanti e informazioni riservate, mentre per un uso privato,Whatsapp e Telegram rimangono ancora insostituibili perché, semplicemente, sono le più usate e le più conosciute.

Share

Antonio Scalogna

Se dovessi fare un elenco di tutte le mie passioni sarei solo ripetitivo. Basti sapere che amo mettere gran parte dei miei pensieri per iscritto.

Lascia un commento