Napoli, non ha i soldi per la visita: il medico le trova un lavoro

0
35

Non ha soldi per pagare la visita e dona al medico una collana d’oro: lui le trova lavoro. A Napoli solidarietà per la madre di quattro figli

Non ha i soldi per la visita, il medico le trova un lavoro
Non ha i soldi per la visita, il medico le trova un lavoro (Getty)

Una bella storia di solidarietà che arriva da Napoli: una donna, madre di quattro figli e disoccupata, non ha i soldi per pagare la visita a domicilio della sua bimba, e offre al medico la sua collanina d’oro come pagamento. Il dottore, commosso da questa generosità, l’aiuta a trovare un lavoro. A raccontarlo è il dottor Eduardo Ponticiello, dirigente del Santobono di Napoli. La vicenda è stata poi ripresa dalla pagina Facebook “Nessuno tocchi Ippocrate”. La donna è rimasta vedova un anno fa, quando il marito è morto per un incidente sul lavoro.

Ti potrebbe interessare anche – Coprifuoco in Campania dalle 23, le reazioni di Twitter

Donna disoccupata non ha i soldi per pagare la visita del medico alla figlia

“Nessuno Tocchi Ippocrate “ porta alla vostra attenzione un bellissimo post del Dott. Eduardo Ponticiello del Santobono…

Pubblicato da Nessuno tocchi Ippocrate su Venerdì 16 ottobre 2020

 

A sua volta, la signora – che si occupava di pulizie – è rimasta senza lavoro a causa della crisi per il Covid. La donna ha chiesto un consulto al dottor Ponticiello, che già conosceva perché aveva curato uno dei suoi figli tempo fa. Il medico ha visita la bambina, con febbre alta a casa. La donna ha spiegato al medico che non poteva permettersi di pagare la visita, e ha offerto al dottore la sua collanina d’oro. Alla bambina è stata riscontrata una semplice faringo-tonsillite, guaribile con antibiotici in pochi giorni. Il medico ha chiesto aiuto per la donna ed è scattata la gara di solidarietà: fino a un amico del dottore, che si è offerto di assumere la signora nella sua ditta di alimentari all’ingrosso.

Leggi anche – Covid, Conte alla Camera: “La situazione è critica”. Timore lockdown