Diego Armando Maradona ricoverato in ospedale

0
266

Maradona sarebbe ricoverato in ospedale. Lo riportano alcuni media argentini. Sembra non si tratti di coronavirus. “Problemi psicologici”

Diego Armando Maradona ricoverato in ospedale
Diego Armando Maradona, allenatore del Gimnasia La Plata. E’ attualmente ricoverato in ospedale, non si conoscono ancora i motivi

Diego Armando Maradona sarebbe stato ricoverato in ospedale. Lo riportano alcuni media argentini, non sono ancora note le cause ma sembra non si tratti di coronavirus.

Secondo alcune fonti provenienti da La Plata pare che l’ex ‘pibe de oro’ sia stato ricoverato su richiesta dei suoi familiari.

I problemi dovrebbero essere di natura psicologica, come riportato anche da Repubblica.

Maradona ha lasciato il campo in anticipo nel corso dell’ultima partita giocata dal suo Gimnasia La Plata, un comportamento insolito per lui.

Sembrava evidente una situazione di disagio, probabilmente riconducibile al fatto di non aver potuto festeggiare i suoi 60 anni con la famiglia, a causa del Covid.

Leopoldo Luque, medico personale del Diez, ha smentito le voci di un ictus.

Ti potrebbe interessare anche – Vienna: spari in centro città, “non si esclude attacco terroristico”

Maradona in ospedale, l’apprensione dei fan sul web

La notizia di Diego Armando Maradona in ospedale ha immediatamente fatto schizzare le interazioni su di lui sui social.

Al momento non sono ancora chiare le cause del ricovero, secondo alcuni media argentini non si tratterebbe di Covid-19.

Diego Armando Maradona ha avuto diversi problemi di salute nella sua vita, dunque è possibile che il ricovero sia dovuto a complicazioni circa la sua salute.

Non soltanto tra i tifosi argentini o del Napoli, ma anche tra gli appassionati, sono arrivati immediatamente tanti messaggi di affetto nei suoi confronti.

Diego Armando Maradona ha compiuto 60 anni lo scorso 30 ottobre e anche in quell’occasione (clicca qui per approfondire) il web gli aveva dedicato un gran tributo.

Ecco le reazioni degli iscritti a Twitter: