Rassegna stampa 7 novembre. I principali quotidiani italiani

0
134

La rassegna stampa del 7 novembre dei principali quotidiani italiani. Ecco cosa scrivono in prima pagina e cosa propongono oggi

Di seguito la rassegna stampa dei principali quotidiani italiani di oggi, 7 novembre 2020.

Vediamo quali argomenti hanno scelto di inserire in primo piano le principali testate giornalistiche.

I principali quotidiani italiani aprono con l’esito delle elezioni americane e con diverse analisi del nuovo Dpcm del Governo.

Libero descrive il malessere del popolo italiano, sottolineando le proteste a Bergamo e a Roma.

Tali proteste avrebbero l’obiettivo di variare la fascia di appartenenza delle regioni Lombardia e Lazio.

Il quotidiano di Vittorio Feltri riprende anche la denuncia di Luigi De Magistris, secondo il quale i dati della Campania non sarebbero corretti.

Il Giornale considera “elemosina” il Decreto Ristori annunciato da Giuseppe Conte.

C’è anche un’aspra critica ai provvedimenti locali sull’apertura delle scuole, soffermandosi su ciò che è successo in Puglia.

In secondo piano un focus sull’immigrazione e l’esito delle elezioni americane.

Il Fatto Quotidiano apre con le parole del Ministro Speranza sull’eventualità di nuove zone rosse.

All’interno un interessante intervista a Piero Angela e un focus sulla probabile vittoria di Biden negli Stati Uniti.

La Repubblica sottolinea la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali americane. Si parla anche degli scontri che stanno accadendo in alcune zone del paese.

Focus sul Dpcm del Governo, con l’analisi di ciò che potrà succedere a fine mese, quando saranno aggiornate le fasce.

Il Corriere della Sera apre con un’intervista al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte.

Conte dichiara di non voler tornare indietro rispetto ai provvedimenti inseriti nell’ultimo Dpcm.

Spazio anche per la diatriba tra Biden e Trump e per la positività al Covid-19 di Roberto Mancini, ct della Nazionale Italiana.

Ti potrebbe interessare anche – Stefano D’Orazio: muore a 72 anni il batterista dei Pooh

Rassegna stampa 7 novembre. I principali quotidiani italiani
Stefano D’Orazio, scomparso all’età di 72 anni

Come aprono i principali quotidiani italiani il 7 novembre

La Stampa inserisce in primo piano la lotta all’ultimo voto tra Joe Biden e Donald Trump.

Biden sembra essere destinato ad occupare la Casa Bianca nei prossimi quattro anni, nonostante le resistenze del suo avversario.

Per quanto riguarda il Covid, il quotidiano piemontese parla di altre quattro regioni che rischiano di essere inserite in fascia rossa.

Il Messaggero apre con i bonus per i genitori che non possono mandare i figli a scuola.

Si espone più degli altri parlando di una festa di Biden, dando per scontata la vittoria del candidato democratico.

In taglio basso c’è la notizia sulla possibile malattia dalla quale sarebbe stato colpito Putin.

Il Mattino apre con la denuncia dei medici campani, i quali dichiarano che il sistema sanitario è quasi al collasso.

Focus anche sulle elezioni americane, sulla morte di Stefano D’Orazio e su Bologna-Napoli.

Joe Biden presidente, il suo primo discorso agli americani (Twitter)

Il Resto del Carlino apre con la probabile vittoria di Joe Biden alle presidenziali americane.

C’è spazio anche per una critica al Governo, che avrebbe chiuso gli italiani in casa tenendo aperte le frontiere.

Spazio anche per le disavventure di Johnny Depp e per alcuni fatti di cronaca locale.

La Gazzetta dello Sport tratta in primo piano il ‘caso Lazio’, soffermandosi sulle ultime vicende relative alla positività di tre atleti.

Spazio anche per l’analisi delle partite del weekend e per alcuni articoli su Mario Balotelli e Valentino Rossi.

Il campione di Tavullia si appresta a tornare alle corse dopo lo stop forzato a causa del Covid.