Svegliati Amore Mio, la nuova fiction con Sabrina Ferilli. La trama

Domani 24 marzo andrà in onda Svegliati Amore Mio, la fiction che vede Sabrina Ferilli ed Ettore Bassi impegnati in una vicenda di cronaca

Sabrina Ferilli
web source

Canale 5 riparte dal fascino e dalla bravura di Sabrina Ferilli per raccontare un episodio drammatico nella nuova fiction “Svegliati Amore Mio”. La nuova serie, prodotta da Fabula Pictures e diretta da Simona e Ricky Tognazzi, prenderà il via domani 24 marzo in prima serata.

L’attrice romana sarà quindi nuovamente la protagonista della fiction di punta delle reti Mediaset dopo che aveva recitato ne “L’amore strappato”, serie di successo che raccontava delle vicende di una madre alla ricerca della giustizia dopo che la sua famiglia era stata devastata da una falsa accusa di abusi.

Anche in questo caso la Ferilli tornerà a vestire i panni di una donna forte che lotta contro le ingiustizie. Al suo fianco ci saranno anche Ettore Bassi, Francesco Venditti, Massimo Popolizio e Francesco Arca.

Svegliati Amore Mio, la trama della nuova fiction di Canale 5

Sabrina Ferilli interpreta Nanà, una madre e moglie che conduce una vita abbastanza semplice e tranquilla fin quando scoprirà che sua figlia Sara è affetta da leucemia. Una notizia che ovviamente sconvolgerà la sua esistenza e di quella del marito Sergio (Ettore Bassi), che da anni lavora in un’acciaieria.

Sembra infatti che la malattia che ha colpito Sara dipenda proprio dal “veleno” emanato dal posto di lavoro di Sergio. La donna si farà forza e porterà avanti la sua battaglia contro l’acciaieria, cercando nel frattempo di coinvolgere altre madri come lei e di far venire a galla la verità.

Un ruolo di madre che Sabrina ha dichiarato in più di un’occasione di gradire molto. Del resto uno dei suoi principali rimpianti nella sua vita è stata quella di non avere mai avuto un figlio. Nei primi anni della sua carriera, infatti, l’attrice romana aveva pensato maggiormente al suo lavoro. Successivamente, come lei stessa ha raccontato, ha provato senza fortuna ad adottare un bambino.