Maurizio Costanzo, addio ad un amico speciale: “Ora mi sento più solo”

L’addio di Maurizio Costanzo al caro amico Enrico Vaime, grande autore di radio e TV, che è scomparso nella tarda serata di ieri.

mauruzio costanzo addio
(fonte: web source)

Forse ve ne sarete già resi conto, tra ieri sera ed oggi, semplicemente dando un’occhiata al feed dei vostri social network e leggendo le parole di artisti e presentatori.

Nella tarda serata di ieri, purtroppo, si è spento Enrico Vaime, autore amatissimo di radio e TV, che ha decisamente insegnato a più di una generazione come fare televisione.

Il ricordo del conduttore, tra le parole degli amici e delle persone che hanno lavorato con lui, passa anche per le dichiarazioni del giornalista Costanzo.

Maurizio Costanzo, addio ad Enrico Vaime: “S’è fatta un po’ più notte davvero”

Maurizio Costanzo addio
(fonte: web source)

Oggi s’è fatta un po’ più notte davvero“.

Così Maurizio Costanzo (ultimamente sotto “accusa” per aver detto che i suoi ospiti sono “stupidi”) ha deciso di salutare Enrico Vaime, l’amico con il quale ha condiviso esperienze lavorative (tra cui il programma notturno di Rai1 S’è fatta notte) e tante risate.
Vaime si è spento iera sera: il cordoglio, nel mondo dello spettacolo, è stato unanime.
Raggiunto da Adnkronos, il famoso giornalista ha deciso di rilasciare alcune dichiarazioni in merito alla scomparsa dell’amico.

Non è facile per me riassumere un ricordo di Enrico in poche parole, perché abbiamo passato anni e anni insieme. Posso però dire che non ho mai riso tanto come quando facemmo al Sistina ‘Parlami di me’ con Christian De Sica: dietro le quinte a sentire Enrico si rideva più che con lo spettacolo, che pure era molto bello“.

Il mondo dello spettacolo, infatti, oggi è decisamente in lutto.
Enrico Vaime è stato un pilastro portante della RAI, autore di spettacoli, show radiofonici e programmi televisivi.

In molti lo ricordano come un maestro e come un favoloso insegnante ed anche come una persona che, con le sue parole, ha di certo migliorato la vita di molti.
Famosissimi suoi aforismi (“I sogni nel cassetto se li mangiano le tarme“) e le sue poetiche spiegazioni della lingua italiana.
Per Maurizio Costanzo, però, Enrico Vaime era soprattutto un amico; un amico che ieri, purtroppo, lo ha lasciato un po’ più solo.

Non citerò uno solo dei suoi aforismi, perché sarebbe difficile scegliere. Ho avuto la fortuna di passare diverso tempo allo stesso tavolo con Marcello Marchesi, Enrico Vaime e Italo Terzoli. Diciamo che ho frequentato bene ma oggi mi sento un po’ solo