Pippo Baudo e le sue battaglie contro la malattia: è guarito grazie a Chernobyl

Pippo Baudo ha avuto una carriera piena di successo, ma più di una volta ha dovuto combattere contro i malanni fisici

Pippo Baudo
web source

Pippo Baudo è uno dei volti iconici della televisione italiana. Il celebre presentatore ha avuto una carriera davvero longeva e di successo, specialmente in Rai dove per anni ha condotto trasmissioni di successo ed è stato il volto ufficiale di Sanremo in ben 13 occasioni.

Oltre alla sua vita “pubblica”, Baudo ha avuto anche una vita privata molto tormentata. A cominciare dalle sue storie d’amore più famose, ovvero il primo matrimonio con Angela Lippi, dalla quale ha avuto la figlia Tiziana, ed il secondo con Katia Ricciarelli terminato nel 2004.

LEGGI ANCHE: MAURIZIO COSTANZO SULLA MORTE: “VORREI CHE AVVENISSE TENENDO LA MANO A MARIA”

Pippo Baudo e la sua lotta contro il cancro e l’alopecia

Il celebre presentatore
web source

Anche la salute di Pippo Baudo ha avuto alti e bassi e non sono mancati i problemi durante il corso della sua carriera. Il primo, più di livello estetico, è legato all’alopecia.

Il conduttore televisivo, ai microfoni di “Ok Salute”, ha spiegato di aver ereditato la malattia in giovane età dalla mamma. Già a 20 anni, infatti, i capelli cominciavano a cadere:

A 20 anni mi sono sentito defraudato di qualcosa d’importante. Ero preoccupato per l’immagine professionale. Non c’è niente da fare, la pelata in tv invecchia“. Pippo ha cercato di risolvere il problema con vari trapianti, alcuni dei quali molto dolorosi anche perchè ai tempi la tecnologia era molto differente da quella odierna: “Bisognava staccare interi lembi di cuoio capelluto ancora ricco di bulbi piliferi e impiantarli nelle zone della testa più nude: ho sofferto molto“.

Oltre all’alopecia, Baudo ha sofferto di una malattia ben più grave, ovvero il cancro. Negli anni ’70, poco prima di iniziare a condurre “Canzonissima”, il siciliano ha scoperto la malattia alla tiroide. 

LEGGI ANCHE: PATRIZIA PELLEGRINO E L’INCUBO DELLA MALATTIA: “TEMO CHE IL TUMORE POSSA TORNARE”

Per sua fortuna a quei tempi ci fu il disastro di Chernobyl e proprio studiando i luoghi dell’esplosione si scopri che lo ionio radioattivo avrebbe potuto rappresentare una soluzione per il suo problema.

Pippo ha raccontato la sua storia alla trasmissione ‘La strada dei miracoli’ di Safiria Leccese: “Mi portarono a Pisa, dove c’erano tanti ricoverati come me e mi chiesero se volessi fare un’esperimento con loro. Accettai”. Alla fine, grazie alla scoperta medica e alla sua fede il presentatore Rai riuscì a sconfiggere il brutto male e a proseguire nella sua radiosa carriera.