Cashback di Stato: niente bonus per migliaia di utenti. Ecco tutti i dettagli

Migliaia di utenti non potranno incassare il bonus del Cashback di Stato. Il Governo sta effettuando dei controlli molto serrati. I dettagli

Il Cashback è stato un successo. Milioni di italiani hanno effettuato tantissime operazioni attraverso carte di credito e prepagate per riuscire ad ottenere i bonus previsti. Questo provvedimento è stato introdotto per provare a combattere il problema dell’evasione fiscale, che colpisce l’Italia da decenni. Attraverso i pagamenti automatici pare che le cose stiano migliorando.

Cashback furbetti
web source

Per questo è auspicabile che il Governo prolunghi queste iniziative anche in futuro. Al momento, il Governo si sta occupando delle verifiche in vista del termine del primo semestre 2021. Alla fine di giugno, infatti terminerà anche il Cashback di Stato e coloro che hanno raggiunto gli obiettivi previsti potranno incassare fino a un massimo di 150 euro attraverso un bonifico direttamente sul proprio conto corrente.

Ma pare che molte persone avranno una brutta sorpresa. Scopriamo di chi si tratta e perché migliaia di italiani non incasseranno i bonus previsti dal Cashback di Stato.

Ti potrebbe interessare ancheScadenze fiscali giugno 2021: il calendario completo

Brutte notizie in vista per i furbetti del Cashback di Stato

Il Cashback è un’iniziativa che vuole incentivare i pagamenti virtuali. Si tratta di quei pagamenti effettuati attraverso carte di credito, carte prepagate o bancomat. Sono esclusi i pagamenti online. Sono previsti due tipi di incentivi: il primo potrà portare nelle tasche di ciascun cittadino fino a un massimo di 150 euro, effettuando almeno 50 operazioni utili.

Il secondo, invece, è il Supercashback. È un bonus che potrebbe far incassare fino a un massimo di 1650 euro a coloro che effettueranno il maggior numero di operazioni utili. Una vera e propria gara tra tutti i cittadini italiani. Le persone premiate dovranno rientrare tra i primi centomila utenti. Le operazioni saranno conteggiate fino al 30 giugno 2021, quando il Cashback di Stato terminerà e, al momento, non si sa ancora se sarà prolungato.

Supercashback
web source

Ma ci sono cattive notizie per i famosi furbetti del Cashback. Attualmente sono in corso i controlli su tutte le operazioni. Pare che il numero di coloro che potrebbero non incassare il bonus del Supercashback oscilli tra le 5000 e le 10000 persone. Sono quegli utenti che hanno abusato oltremisura delle regole per scalare la classifica. In pratica, sono arrivati tra i primi centomila attraverso una serie di scorrettezze.

Un esempio? Andare alla pompa di benzina e fare più rifornimenti uno dopo l’altro porterà alla squalifica. Anche pagare al supermercato con più transazioni consecutive porterà allo stesso tipo di sanzioni. I controlli termineranno il 10 luglio, quando saranno pubblicati i dati ufficiali. A quel punto scopriremo quante persone saranno squalificate e, di conseguenza, quanti saranno i cittadini onesti ad essere ripescati per ottenere il bonus del Supercashback.

Cashback
web source